Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

HOME

Illustrati a Roma i risultati del progetto MedSeaLitter - Interreg MED, iniziativa finanziata con fondi UE per oltre 2 milioni di euro, realizzata attraverso una rete di collaborazioni tra Aree Marine Protette – supportate da istituti di ricerca, associazioni ambientaliste e università di 4 Paesi UE (Italia, Spagna, Francia e Grecia) – che ha permesso di sviluppare per la prima volta un protocollo condiviso di monitoraggio sui rifiuti marini e i loro effetti nel Mar Mediterraneo.

“L’Unione europea è fortemente impegnata nella tutela dell’ambiente ed è in prima linea nella lotta globale contro i rifiuti marini - afferma Beatrice Covassi, Capo della Rappresentanza in Italia della Commissione europea. Oltre alla definizione di politiche e provvedimenti normativi, come il piano d'azione per l'economia circolare e la direttiva sulla plastica monouso, l’UE sostiene finanziariamente progetti e tecnologie che contribuiscono a salvaguardare gli ecosistemi. In quest’ottica MedSeaLitter rappresenta un progetto molto importante: auspichiamo che il protocollo sviluppato venga adottato dal maggior numero possibile di Aree Marine Protette, in modo da definire modalità di gestione uniformi dei rifiuti marini per limitarne l’impatto ambientale".

La comunità Social & Creative del Programma Interreg MED, nell’ambito del progetto orizzontale TALIA – Territorial Appropriation of Leading-edge InnovAtion, lancia un concorso riservato a giovani videomaker tra i 18 ed i 35 anni. Scadenza 31 luglio 2019.I partecipanti dovranno descrivere le sfumature e le declinazioni della creatività e dell'innovazione sociale nel Mediterraneo, dando così voce alle storie ed alle emozioni dei protagonisti, ma anche al dinamismo, alle esperienze ed alle peculiarità di tutti i singoli territori eleggibili nell’area di intervento del Programma.

Il programma di cooperazione Interreg V-A Grecia-Italia 2014-2020 lancia un concorso video-amatoriale per celebrare la Giornata europea della cooperazione. Partecipare al contest è semplice! Prepara un video di max 40 secondi con il tuo smartphone nella tua lingua o in inglese e rispondi alla domanda: Perché l'Europa sei tu? Come l'Europa porta beneficio nella tua vita quotidiana? Il concorso è aperto a tutti, cittadini, studenti, ragazzi, università. In palio 2 SMART WATCH.

Tre luglio 2019 è il termine di scadenza per avanzare proposte progettuali; 68.5 milioni di euro è il budget complessivo previsto; sette sono le priorità tematiche selezionate: start-up, cluster economici, trasferimento tecnologico, occupazione, acqua, rifiuti, efficienza energetica. È la Call for Strategic Projects del Programma di Vicinato ENI CBC Mediterraneo 2014-2020 presentata a Bari, nel corso dell’Info Day tecnico organizzato con la partecipazione dell'Autorità di Gestione del Programma, a cura del Coordinamento Politiche Internazionali della Regione Puglia, in qualità di co-presidente del Comitato Nazionale e National Contact Point ENI CBC MED.

Prosegue la campagna di comunicazione dedicata alla Cooperazione Territoriale Europea promossa dall'Agenzia per la coesione territoriale. Dopo il lancio della prima infografica focalizzata, in generale, sulla Cooperazione Territoriale Europea 2014/2020, continua il viaggio di approfondimento sui Programmi di cooperazione transfrontaliera e transnazionale che coinvolgono l’Italia.