Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si terrà mercoledì 24 maggio 2017, alle ore 9.30 presso l’Hotel Tirana International (Sala Consortium) la conferenza intitolata “I rapporti tra Italia e Albania durante la Guerra Fredda”, promossa dall’Ambasciata d’Italia a Tirana. Interverranno: Alberto Cutillo, Ambasciatore d’Italia in Albania, Alfred Spiro Moisiu, Presidente emerito della Repubblica di Albania, Paolo Rago, curatore del progetto dI ricerca storica.

Tanti gli spazi di approfondimento nel corso della giornata: “L’occupazione italiana dell’Albania” (Roberto Morozzo della Rocca, Università Roma Tre); “Così vicina, così lontana. L’Albania nella politica estera italiana 1944-1961” (Settimio Stallone, Università Federico II di Napoli); “Il rimpatrio degli italiani e le principali problematiche italiano-albanesi di questo processo 1945-1957” (Enriketa Papa, Università di Tirana); “Un reciproco vantaggio: le riprese degli scambi commerciali italo-albanesi negli anni Cinquanta e i tentativi di normalizzare i rapporti politici” (Antonio D’Alessandri, Università Roma Tre).

E ancora, relazioneranno: il Console Sokol Dedja del Ministero Affari Esteri di Albania su “Le relazioni italiano-albanesi in seguito al distacco dell’Albania dal campo socialista”, Artan Hoxha dell’Università di Pittsburg su “La cortina di ferro sull’Adriatico vista dall’altra parte dell’Albania: l’Albania, l’Italia e la guerra fredda sotto la lente di Washington 1949-1960”, Nicola Pedrazzi dell’Osservatorio dei Balcani e Caucaso Transeuropa su “Fratelli nell’antifascismo, diversi per Costituzione: il Partito del lavoro albanese e il Partito comunista italiano, storia di un’amicizia mai nata (1944-1960)”.

Infine, Anna Esempio Tammaro (CNR, Napoli) affronterà aspetti politico-economici e giuridici (1944-1958) in riferimento alla questione dell’oro della Banca Nazionale d’Albania nella documentazione diplomatica britannica e italiana e Nevila Nika (Università Europea di Tirana) concluderà con il tema delle relazioni albanesi-italiane nei fondi dell’Archivio Centrale di Stato della Repubblica d’Albania.

Lingue di lavoro: italiano – albanese – inglese con interpretariato simultaneo.