Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Un seminario sui risultati dell'impegno dell'Italia nella formazione del personale tecnico del Museo Nazionale di Bosnia Erzegovina a Sarajevo ha concluso il progetto triennale di laboratori di restauro a cura dell'Istituto Superiore per la Conservazione (ISCR). Il progetto, voluto dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (Maeci), ha riguardato ogni anno la conservazione e restauro di uno specifico materiale di cui si compongono i preziosi manufatti custoditi presso il Museo: metallo nel 2016, legno nel 2017, ceramica e terracotta nel 2018.

I corsi si sono articolati in una settimana di introduzione teorica, seguita da tre settimane di laboratorio in cui i restauratori del Museo hanno operato con l'assistenza del personale dell'Istituto italiano (ISCR).

La formazione di una nuova generazione di professionisti locali ha dimostrato l'impegno dell'Italia nella protezione del patrimonio culturale della Bosnia Erzegovina, con garanzia di impatto e visibilità duraturi. Il progetto ha inoltre reso possibile l'apertura di un Dipartimento per la Conservazione ed il Restauro del Museo, cui l'Italia ha anche donato attrezzature e prodotti per il restauro portati a Sarajevo dall'ISCR in occasione dei laboratori.

Tra i risultati più apprezzati, le attività avviate nel 2017 sulla rarissima "Piroga dell'Età del Ferro" in legno, di oltre 15 metri di lunghezza, datata al X sec. a.C, che ne permetteranno l'esposizione al pubblico nel corso di quest'anno.