Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

198 sono le candidature pervenute nell’ambito della Call for Strategic Projects del Programma di Vicinato ENI CBC Mediterraneo 2014-2020, lanciata a marzo 2019 e chiusa lo scorso 3 luglio. Il valore finanziario delle proposte è di circa 660 milioni di euro, quasi 10 volte il budget complessivo disponibile, ossia 68,5 milioni di euro.

Tra le sette priorità tematiche selezionate, quella che ha registrato il maggior numero di idee progettuali (45 candidature pervenute) è la A.1.2 – Rafforzare e sostenere network Euro-Mediterranei, cluster, consorzi e “value-chains” nei settori tradizionali e non tradizionali. Seguono le 40 proposte sull'inclusione sociale (supporto ai giovani, in particolare i NEETS, e le donne), le 35 candidature focalizzate sul trasferimento tecnologico ed i 26 progetti di sostegno alle startup.

Rimane elevato anche l'interesse per i temi della sostenibilità ambientale e della mitigazione dei cambiamenti climatici: sono infatti pervenute 22 proposte in tema di efficienza idrica, 12 sulla gestione dei rifiuti e 18 sulle energie rinnovabili e l’efficienza energetica.

Al bando, in generale, è stata raggiunta una partecipazione pressoché equa delle organizzazioni dei paesi partner mediterranei e dei paesi mediterranei dell'UE, il 49% contro il 51%. In totale, 1681 attori hanno partecipato alla call. Come per le candidature sui progetti standard, l'Italia è il Paese più attivo, con 308 organizzazioni coinvolte, seguita da Tunisia, Spagna, Libano. Non da meno si sono rivelate le organizzazioni di Egitto e Palestina, rispettivamente 111 e 127.

Interessante, infine, la stima dei dati riferiti al numero dei Lead Applicant per paese partecipante al programma ENI CBC MED: l’Italia risulta in testa con 77 organizzazioni dei paesi partner mediterranei che hanno avanzato proposte di progetti strategici.

La prima fase del processo di valutazione, che comprende il controllo amministrativo e la valutazione della pertinenza e della qualità della progettazione, inizierà molto presto. I candidati saranno informati sui risultati di questo primo step in seguito alle decisioni del Joint Monitoring Committee che si riunirà per novembre 2019.

Consulta qui infografiche e statistiche sulla Call for Strategic Projects di ENI CBC MED!