Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La Commissione europea ha adottato il nuovo Programma di Cooperazione Transnazionale "Interreg V B Adriatic-Ionian (ADRION)", per un valore di più di 83,4 milioni di EUR a valere sul Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e di quasi 16 milioni di EUR provenienti dallo strumento di preadesione (IPA II). L'importo totale del Programma, compresi i contributi nazionali, è di 118 milioni di EUR.

ADRION 2014-2020 sosterrà la realizzazione delle priorità della Strategia dell'UE per la regione Adriatica e Ionica (EUSAIR), incoraggiando la coesione economica, sociale e territoriale nella regione. L'estensione geografica del Programma coincide con il territorio coperto dalla Macroregione Adriatico-Ionica (EUSAIR) e comprende quattro paesi dell'UE (Grecia, Croazia, Italia e Slovenia) con la partecipazione di Albania, Bosnia- Erzegovina, Montenegro e Serbia.

 “Questo programma è stato concepito per contribuire all'efficace attuazione della strategia dell'UE per la regione Adriatico-ionica in modo da valorizzare e tutelare le grandi potenzialità naturali, culturali ed umane della regione – ha sottolineato Corina Crețu, Commissaria responsabile per la Politica regionale - Esso avrà un impatto tangibile e positivo sull'economia della regione con un'attenzione particolare per il potenziamento delle capacità di innovazione e di ricerca".

Il Programma, in particolare, accrescerà la capacità della regione di tutelare il suo patrimonio naturale e grazie ad esso la regione Adriatica e Ionica beneficerà anche di un sistema di trasporti e di mobilità maggiormente integrato. Tra gli obiettivi del programma vi è anche il rafforzamento della capacità amministrativa nella regione.