Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Una cooperazione che ha radici lontane, si rinnova con il Programma Interreg IPA CBC Italia-Albania-Montenegro, presentato ieri a Bari. Annunciata l’imminente pubblicazione del primo bando. Online le presentazioni dei relatori intervenuti all'evento di lancio del nuovo Programma trilaterale.

È una lunga storia di cooperazione quella che tiene insieme da decenni Italia e Balcani. Una storia passata attraverso i Programmi Interreg Italia-Albania ed IPA Adriatico, per arrivare ai giorni nostri con il nuovo trilaterale Interreg IPA CBC Italia-Albania-Montenegro, che coinvolge Puglia, Molise, Albania e Montenegro e vede la Puglia nel ruolo di Autorità di Gestione.

L’evento di lancio di Bari ha offerto l’occasione per illustrare le novità di un Programma che sviluppa gli obiettivi della Strategia Europa 2020 e della Politica di Coesione, implementando azioni congiunte tra attori istituzionali e non-profit nazionali e regionali, al fine di favorire la crescita economica.

"Crediamo fortemente - ha detto l'Assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia,  Loredana Capone -  che dall'alleanza economica e dalla condivisione culturale possano nascere progetti in grado di renderci tutti più competitivi, e poter  contare su nuove opportunità di crescita e innovazione. L'augurio è che tutti i progetti finanziati siano pronti a rispondere alle aspettative delle nostre comunità e che il mare sia sempre più un mare di fratellanza, pace, unione".

“Questo Programma  è molto importante -  ha sottolineato la Ministra albanese dell'Integrazione Europea, Klajda Gjosha - ora che l'Europa sta attraversando un momento molto difficile, soprattutto riguardo al processo di allargamento e può realmente aiutarci a condividere le migliori esperienze, a progettare investimenti su turismo e cultura e favorire l'avvio di imprese e  scambi commerciali”.
Per Miodrag  Raceta, del Ministero montenegrino per gli Affari Europei, esso ”rappresenta un ulteriore impulso per rafforzare la cooperazione e i legami tra i paesi, ma anche per la creazione di una regione che condivide valori comuni quali la prosperità, l'inclusione e le pari opportunità”.

“La cooperazione dell’Italia con l’Albania e il Montenegro è una cooperazione stabile e radicata – ricorda Nicola Favia, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento Politiche di Coesione - che si è via via alimentata nel tempo per tradizione politica, collocazione geografica e affinità culturali, tanto da configurare questi due Paesi quali partner privilegiati dell’Italia, sia in termini di interscambi commerciali che di investimenti”.

L’evento ha rappresentato anche il momento ideale per anticipare i contenuti della prima Call for Proposals, il bando di prossima pubblicazione che finanzierà progetti di cooperazione nei tre Paesi coinvolti. Circa 92 mln di euro la dotazione finanziaria complessiva destinata al Programma, co-finanziato dall’Unione Europea attraverso lo Strumento di Assistenza Pre-Adesione (IPA); di questi, 25 milioni di euro verranno allocati sulla prima Call for Proposals.

“Entrare nel merito da subito con 92 milioni di dotazione finanziaria e una prima 'call' da 25 milioni è un immediato riscontro al lavoro che stiamo portando avanti insieme -  ha osservato il presidente della Regione Molise, Paolo Di Laura Frattura. “Mi auguro che le imprese e gli imprenditori possano godere della facilitazione che i partenariati istituzionali mettono in campo nei vari settori".

Quattro gli assi prioritari su cui dovranno focalizzarsi gli interventi: rafforzamento della competitività delle PMI per migliorare lo sviluppo del mercato transfrontaliero; gestione intelligente del patrimonio naturale e culturale, per incoraggiare un turismo sostenibile; protezione dell’ambiente e miglioramento dell’efficienza energetica, per gestire il rischio legato ad un utilizzo sbagliato delle risorse carbone e acqua; miglioramento dell’accessibilità transfrontaliera, per garantire un servizio di trasporto sostenibile.

“Insieme ai Paesi partner vogliamo creare le condizioni favorevoli per la realizzazione di iniziative di elevato valore - ha precisato Domenico Laforgia, Regione Puglia, Autorità di Gestione del Programma - I progetti verranno selezionati sulla base della loro qualità, fattibilità, sostenibilità. Intendiamo finanziare azioni che abbiano un forte impatto sul territorio, progetti che si autosostengano, che creino integrazione reale, iniziative congiunte per uno sviluppo intelligente, inclusivo e sostenibile dei tre Paesi partecipanti.

L’Italia partecipa con due regioni: la Puglia e il Molise: l’Albania e il Montenegro partecipano con l’intero territorio. L’obiettivo è incoraggiare questi territori a creare le condizioni per lo sviluppo, in linea anche con la Strategia Macro-regionale Adriatico Ionica dell’Unione Europea (EUSAIR),  che punta su 4 pilastri tematici: Crescita blu, Regione connessa, Qualità ambientale, Turismo sostenibile.

“L’Italia-Albania-Montenegro non solo è uno dei maggiori programmi transfrontalieri di pre-adesione IPA -  ha commentato Clara Rose, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale – ma si prefigge anche di trasferire le conoscenze necessarie a facilitare l'adesione all'UE. Soprattutto, però, il Programma potrà rinsaldare il legame storico dei territori coinvolti e quello delle persone. Perché è attraverso le persone che si può fare la differenza.”

Soddisfazione è stata espressa anche da Antonio Verrico, Agenzia per la Coesione Territoriale e da Jean-Pierre Halkin, Commissione Europea, DG Politica Urbana e Regionale.

La giornata ha visto la partecipazione interessata di circa 700 persone e l’alternarsi di interventi dal taglio molto concreto: Mauro Novello, coordinatore del Segretariato Congiunto, ha fornito linee guida per la candidatura delle proposte progettuali, mentre lo Staff dell’Autorità di Gestione e del Segretariato Congiunto ha coordinato le sessioni tematiche, approfondendo i quattro Assi prioritari in tema di competitività delle PMI, turismo e cultura, ambiente e risorse idriche, trasporto sostenibile.

La prima Call for Project Proposals del Programma IPA CBC Italia-Albania-Montenegro verrà lanciata nelle prossime settimane, e resterà aperta per 60 giorni di calendario dalla sua pubblicazione. Per approfondimenti: www.italy-albania-montenegro.eu - FB @italy.albania.montenegro.

Download le presentazioni dei relatori intervenuti all'evento di lancio del nuovo Programma:

Seguici su Facebook

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.