Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

E' salentina la prima banca italiana a Tirana. Si chiama 'Bis Bank' ed e' gia' un modello per l'imprenditoria locale. Dell'istituto di credito, che ha svolto un ruolo importante nella ricostruzione del Kosovo, si occupa 'Levante' in onda sabato 7 gennaio alle 11.30 su RaiTre con un servizio dal titolo 'La banca delle aquile' (di Anna Rosa Macri' e Giovanni Matera). 'Levante' e' la rubrica nazionale della Tgr a cura di Giancarlo Spadoni e Pino Bruno, dedicata ai rapporti tra l'Italia e i paesi dell'est europeo e del Mediterraneo orientale. La rubrica va in onda anche sul canale satellitare Raimed ogni giovedi' alle 21.20 e alle 23.30. Tra i servizi in scaletta la storia di Natalya (di Giancarlo Fiume e Giuseppe Belviso), giovane ingegnere ucraina, ex badante e collaboratrice domestica, che oggi a Giugliano conduce un telegiornale dedicato alla folta comunita' ucraina della provincia di Napoli ed e' diventata punto di riferimento dell'ufficio provinciale per l'assistenza agli immigrati. Poi la vicenda (narrata da Daniela Tortella e Mario Scarpanti) dei cittadini della Moldova che sostengono che l'Italia li tratta piu' da extraterrestri che da extracomunitari e denunciano grossi problemi per i visti di ingresso nel nostro Paese. E, ancora, un servizio (di Umberto Braccili) sul centro di assistenza agli immigrati 'Rindertimi' aperto ad Avezzano, in Abruzzo, da un gruppo di volontari che in poco tempo e' diventato punto di riferimento per tutti i lavoratori extracomunitari che vivono nella Marsica.

 

Fonte: Ansa Balcani