Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Il Comitato Nazionale Italiano per il 2005 Anno Internazionale del Microcredito e l'Istituto per l'Informazione Tecnica, Economica e Giuridica (IS.IN.TEG.) presentano il convegno "Occupiamoci di microcredito. Opportunità e possibilità di sviluppo nei Paesi dei Balcani e del Mashrek", che si terrà Martedì 18 ottobre, alle ore 9.00, presso la Sala Convegni della Camera di Commercio di Bari in Corso Cavour 2. Durante la conferenza, esponenti di rilievo del mondo accademico, operatori e studiosi del settore bancario, esperti dell'ABI e dell'UNICEF annunceranno i risultati delle ricerche attivate dal Comitato Nazionale. Apriranno i lavori: il Presidente della Provincia di Bari, cav. Vincenzo Divella, il Vicepresidente della Provincia di Foggia, arch. Francesco Parisi, il Vicepresidente della Provincia di Lecce, avv. Loredana Capone, il Vicepresidente della Provincia di Taranto, Giovanni D'Auria, l'Assessore al Mediterraneo della Regione Puglia, dott.ssa Silvia Godelli e l'Assessore al Bilancio del Comune di Bari, prof. Francesco Boccia.L'evento mira a diffondere la cultura del microcredito illustrando la natura dello strumento a sostegno delle economie in sviluppo, a render note le iniziative avviate dal Comitato Nazionale per il 2005 e a rappresentare lo spessore e l'ampiezza dell'esperienza italiana accumulata attraverso associazioni, organizzazioni e istituzioni la cui azione può essere considerata esempio operativo di

riferimento.L'iniziativa tende inoltre ad evidenziare la portata del modello microcredito finalizzato al sostegno di gruppi appartenenti alle economie più deboli, modello nel quale economia, finanza, politica di sostegno e di sviluppo, cooperazione, volontariato si intrecciano dando vita ad una prospettiva di intervento concreta e particolarmente efficace anche per i meccanismi sociali su cui fa leva.

 

Fonte: Sudnews