Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Per proseguire il lavoro iniziato con i tre seminari svolti l'anno scorso sul rapporto tra i media e il partenariato euromediterraneo, è stata istituita una task force che dovrà elaborare i risultati di questi incontri per poi suggerire alla Commissione europea come continuare nel dialogo tra i giornalisti e le istituzioni del Processo di Barcellona. Come riferiscono gli esperti dell'Esecutivo di Bruxelles, il gruppo è al momento composto da una ventina di membri, tra cui anche esponenti del mondo dei media del Sud del Mediterraneo, e punta ad includere il numero più rappresentativo possibile di organizzazioni e singoli partecipanti. La task force potrà fornire indicazioni alla Commissione anche riguardo al futuro del programma euromediterraneo per l'informazione e la comunicazione che terminerà nel corso del 2006. Il programma punta a rafforzare la visibilità delle attività svolte nell'ambito del Partenariato euromediterraneo attraverso la promozione di servizi televisivi, radiofonici, sui giornali e sulle agenzie di stampa, in arabo e in francese, in particolare nei paesi della sponda Sud del Mediterraneo, per favorire nella gente la comprensione del Processo di Barcellona.

Fonte: Ansamed