Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Grazie ad un accordo con la piu' giovane universita' privata albanese 'Wisdom University', l'universita' italiana 'San Pio V' avra' una propria filiale in Albania. La novita' e' che per la prima volta gli studenti albanesi potranno seguire le lezioni on-line restando a Tirana, pur conseguendo una laurea italiana. Rettore della 'Wisdom University' e' l'ex ambasciatore italiano a Tirana, Paolo Foresti, mentre fra i docenti della 'San Pio' viene indicato anche l'onorevole Rocco Buttiglione del quale Foresti e' stato a lungo uno stretto collaboratore.

''Siamo i primi ad applicare in Albania lo studio a distanza tramite un sistema interattivo con video conferenze che funziona quindi in tempo reale'', spiega la preside dell'universita' albanese, Brunilda Paskali. ''Tutto si svolgera' come in una normale lezione - racconta Paskali - gli studenti che si troveranno nelle nostre aule di Tirana potranno rivolgere domande al lettore, o chiedere spiegazioni ai docenti, che si trovano invece nell'aula a Roma''. Gli studenti albanesi pagheranno come i loro colleghi in Italia 60 euro per la tassa di registrazione, e 114 euro per il diritto di studio. Mentre la tariffa per ogni anno accademico sara' di 3900 euro, da pagare in tre rate annue. Una cifra lievemente superiore a quelle applicate presso le altre universita' private albanesi ma compensata, dicono i promotori, dal fatto di studiare presso una facolta' interamente italiana, e questo senza dover sostenere i costi della permanenza a Roma e le incognite dell'ammissione. ''Quello che piu' conta - sostiene tuttavia la preside Paskali - e' che alla fine degli studi un giovane albanese sara' munito di un titolo italiano riconosciuto in tutta Europa''.

Fonte: Ansa Balcani