Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Sono iniziati oggi i primi lavori in Croazia per la costruzione del Corridoio europeo Vc, che da Budapest, via Croazia e attraversando in verticale tutta la Bosnia, raggiungera' il porto croato di Ploce, sul litorale Adriatico, collegando i Balcani e il Mediterraneo orientale al centro Europa e al mare Baltico. La realizzazione dell'autostrada vitale per il collegamento dell'est della Croazia e della Bosnia con, da una parte il centro Europa, e dall'altra con il porto industriale e commerciale di Ploce, tra Spalato e Dubrovnik, e' iniziata con la costruzione di una prima tratta nella zona di Osijek, capoluogo della Slavonia, regione piu' orientale del paese. Il valore del tratto croato, lungo 88 km, e' stimato a 375 milioni di euro e dovrebbe essere completato nel 2009. Nella prima fase non e' previsto un andamento accelerato dei lavori dato che in Bosnia il progetto e' ancora a uno stadio preliminare e Sarajevo deve ancora assicurare i fondi necessari per il finanziamento dell'autostrada. Nel 2000 la Croazia ha lanciato un ambizioso progetto di costruzione di una fitta rete di autostrade, in primo luogo per sostenere il turismo, il principale motore dell'economia del paese. In giugno pertanto e' stata completata l'arteria vitale del paese, l'autostrada Zagabria-Spalato, lunga 380km.

Fonte: Ansa Balcani