Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Con una riunione plenaria alla quale hanno partecipato circa 2.500 tra imprenditori, esponenti governativi e membri della business community, si è aperta il 10 ottobre la manifestazione “Italia a Belgrado 2005” organizzata dall’ICE, in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia a Belgrado, Confindustria, il Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e Unioncamere. A sottolineare l’importanza dell’evento, l’Ice riporta alcuni numeri: 450 imprese italiane avranno l’opportunità di incontrare 1.300 aziende locali per individuare nuove forme di collaborazione e rafforzare la propria presenza in Serbia e Montenegro. A tal fine sono previsti oltre 1.500 incontri business-to-business. I lavori sono stati aperti dal Vice Ministro alle Attività produttive Adolfo Urso, dal Sottosegretario di Stato agli Esteri Roberto Antonione, dal Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Riccardo Illy e dal Presidente dell’ ICE Umberto Vattani. A ulteriore conferma della rilevanza del forum è la presenza del Primo Ministro della Repubblica di Serbia, Vojislav Kostunica e di numerosi esponenti del governo serbo-montnegrino. Il convegno di apertura ha esaminato le prospettive di sviluppo della cooperazione economica e commerciale in Serbia e Montenegro, dagli strumenti finanziari a disposizione delle aziende ai seminari tecnici su privatizzazioni, agroindustria, ambiente, infrastrutture, macchine utensili e macchine lavorazione legno. La giornata di oggi è dedicata allo svolgimento di incontri bilaterali mirati tra le imprese italiane e locali. Nel 2004 le esportazioni italiane verso la Serbia-Montenegro hanno registrato, informa l’Ice, un incremento del 20% rispetto al 2003, per un totale di 919 milioni di euro. Tra i principali prodotti esportati segnaliamo le macchine ed apparecchi meccanici e gli elettrodomestici, le calzature, gli autoveicoli, i prodotti dell’ICT e dell’elettrotecnica seguiti dai prodotti chimici, della metallurgia, nonché dagli articoli di abbigliamento e della maglieria.

Fonte: Inform