Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Si chiama 'Viaggiatori dell'Adriatico. Percorsi di viaggio e scrittura' un seminario di studi che si svolgera' il 3 e il 4 marzo prossimi a Bari: e' organizzato da Vitilio Masiello e Pasquale Guaragnella, docenti dell'ateneo barese, nell'ambito di un progetto di cooperazione transfrontaliera adriatica promosso dall'Assessorato al Mediterraneo e alla Cultura della Regione Puglia. Partners del progetto sono otto Universita', quattro italiane e quattro in Paesi dell'Adriatico Orientale: Lecce, Bari, Campobasso-Isernia e Trieste; Tirana (Albania), Zadar (Croazia), Novi Sad (Serbia-Montenegro) e Banja Luka (Bosnia-Herzegovina). Sotto l'egida della Presidenza della Regione Puglia, le istituzioni partecipanti hanno fondato il 23 aprile scorso a Otranto un Centro internazionale interuniversitario di 'Studi sul Viaggio Adriatico', inteso a promuovere studi e ricerche sulla letteratura di viaggio nell'Adriatico, una raccolta di testi tematici fruibili tramite una biblioteca digitale, una mappatura on-line delle risorse bibliografiche nei territori interessati, ma anche una cultura della cooperazione internazionale su area vasta ed un sistema integrato di servizi per gli operatori turistici dell'euroregione adriatica. Al seminario di Bari, saranno presenti i consoli d'Albania, Croazia e Serbia-Montenegro; parteciperanno docenti delle universita' promotrici del progetto: Donato Valli e Giovanna Scianatico (Lecce), Elvio Guagnini (Trieste) e Pavle Sekerus (Novi-Sad) con uno studio sul viaggio in Dalmazia di Alberto Fortis; inoltre studiosi come Sebastiano Martelli (Salerno), che interverra' sul Viaggio negli Abruzzii di Galanti, Vincenzo De Caprio (Univ. della Tuscia), Matteo Palumbo (Napoli) e Sanja Roic (Zagabria) con una relazione su Tommaseo viaggiatore adriatico. Lo scrittore Raffaele Nigro interverra' sulle relazioni culturali e letterarie transadriatiche.

Fonte: Ansa balcani