Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Il tema del convegno e' ''Le rimesse: una opportunita' per la crescita. Il caso degli immigrati albanesi in Italia''. Saranno presenti, oltre agli amministratori regionali pugliesi e ad esperti della Banca Mondiale, anche il governatore della Banca di Albania, Ardian Fullani, e il primo ministro di Albania, Sali Berisha. ''Noi - ha detto Vendola - siamo tutti impegnati a combattere i fenomeni di illegalita' che accompagnano sovente i flussi migratori e riteniamo che la rimessa di un migrante, i soldi che cioe' il migrante riesce a inviare alla propria famiglia nel proprio Paese, sia un tema di grande delicatezza proprio perche' spesso gli immigrati, per questa operazione, sono fagocitati in forme di intermediazione di tipo criminale''. Ed e' cosi' che, anche in questo caso, ''i clandestini sono le prime vittime della clandestinita'''. La Puglia - ha sottolineato Vendola - vuole cominciare a riflettere su questo tema e contribuire a rendere questo circuito trasparente. Senza svelare le conclusioni che saranno proposte al convegno, Bossone, sollecitato dai giornalisti, ha anticipato alcune strade che potrebbero essere percorse per affrontare la questione: ''Intanto - ha detto - occorre senza dubbio far emergere il tema delle rimesse, quindi istituzionalizzare il fenomeno delle rimesse, rendere accessibili i servizi finanziari a coloro che rimettono e diffondere l' informazione, a partire dal Paese di origine, in termini di procedure da compiere per operare le rimesse''. ''Fuoriuscita dalla clandestinita' - ha detto Bossone - significa anche consentire ai migranti di avere accesso alle opportunita', ai normali servizi finanziari, accedere a risorse e strumenti per trasformare questo fenomeno, quello della migrazione, in opportunita'''. Quello della Regione Puglia e della Banca Mondiale e' dunque ''un passo congiunto'', un percorso sul quale - hanno sottolineato sia Vendola sia Bossone - ''c'e' la massima condivisione''. D' altra parte - ha sottolineato Maffia - ''questo tipo di rapporto di Banca Mondiale con le realta' locali e' la nuova frontiera: laddove i governi nazionali non riescono a capire le opportunita' date dai flussi migratori, occorre dialogare con le realta' locali e arrivare a determinare una situazione nella quale tutte le correttezze del mercato vengano messe in atto e tutti i protagonisti abbiano il loro tornaconto''.

Fonte: Ansa Balcani