Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Conferenza internazionale, 'Le rimesse: un’opportunità per la crescita - Il caso degli immigrati albanesi in Italia', organizzata da World Bank e Regione Puglia (Bari, 3 e 4 marzo 2006).

Le rimesse finanziarie rappresentano uno strumento importante che contribuisce a rendere l’immigrato protagonista di dinamiche di sviluppo economico e di percorsi di legalità. Sulla base di una ricerca condotta da Abi ( Associazione Bancaria italiana ), il volume di rimesse dirette dall’Italia all’estero è pari a 5 miliardi di euro all’anno e una significativa fetta di tale importo raggiunge l’Albania partendo proprio dalla Puglia. Si pone la questione di canalizzare tali flussi di denaro nell’alveo di percorsi istituzionali e trasparenti oltre ogni tentativo di speculazione criminale. Come dichiarato da Biagio Bossone, Direttore Esecutivo Banca Mondiale, istituzionalizzato il fenomeno, il passo successivo è quello “di far partecipare al processo delle rimesse il settore privato, far sì cioè che i soggetti del mercato abbiano la motivazione del business nel gestire le rimesse, in modo tale che entrando nel mercato e creando concorrenza abbattano i costi”.

Quindi l’ idea - ha chiarito ancora Bossone – “è quella di far entrare nel mercato soggetti privati, banche, intermediari finanziari non bancari che possano aiutare o che possano dare convenienza ai migranti di far uso dei loro canali per trasferire il denaro e quindi offrire costi competitivi”. Nello specifico della situazione pugliese l’assessore regionale al Mediterraneo, Silvia Godelli, fa il punto della situazione: “Abbiamo una quota di disponibilità finanziarie - ha detto - da utilizzare sia a livello pugliese per sostenere iniziative di organizzazione degli investimenti dei cittadini stranieri, sia nel paese di origine, in questo caso l’Albania, per attivare lì gli investimenti. Ma siamo in una fase di studio: dobbiamo articolare le proposte e approfondire la situazione pugliese. Abbiamo indizi e non dati”. E uno degli indizi, secondo Godelli, è che l’immigrazione dall’Albania in Puglia “è ferma per quantità ma in consolidamento per tipologia, con fenomeni diffusi di completamento dei nuclei familiari”. “Banca Mondiale - ha proseguito Godelli - ci ha presentato un prototipo di carattere complessivo relativo ai possibili prodotti finanziari connessi con le rimesse dei cittadini stranieri presenti sul nostro territorio. Ovviamente avremo il problema di contestualizzare questo tema in riferimento alla realtà pugliese”.

Inseriamo il programma della Conferenza sulle rimesse finanziarie.

{mosimage} Programma


Rassegna stampa

Inseriamo i principali articoli dei quotidiani locali sull'evento

{mosimage} Puglia e Albania, difesa dei migranti

{mosimage} Rimesse trasparenti per le politiche di pace

{mosimage} Migranti, accordo banche Italia-Albania