Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Una convenzione tra la Facolta' di Medicina e chirurgia dell'Universita' di Foggia e l'associazione italo-croata e' stata firmata oggi nella sede del consolato della Repubblica di Croazia, che ha dato il proprio patrocinio all'iniziativa. A firmare l'accordo, il console onorario Rosa Alo' e il preside di medicina, Emanuele Altomare, alla presenza dell'ambasciatore della Repubblica di Croazia, Tomislav Vidosevic, e della presidente della Contea di Dubrovnik e Neretva, Mira Buconic. Obiettivo della convenzione e' stabilire una sinergia per promuovere corsi di formazione in materia di medicina e cultura in ambito sanitario, avviare una collaborazione su progetti di ricerca e facilitare l'integrazione di ricercatori e personalita' del mondo della scienza e della cultura. ''Questo accordo e' molto importante - ha detto l'ambasciatore Vidosevic - e fa seguito all'intesa firmata ieri tra la Contea di Dubrovnik e la Regione Puglia. Queste collaborazioni ci danno un impulso per migliorare i rapporti tra le due popolazioni e ci aiutano nel nostro percorso verso l'ingresso nell'Unione europea e l'integrazione euroatlantica''. ''La convenzione spazia dalle attivita' didattico-formative a quelle di ricerca - ha aggiunto Altomare, in rappresentanza del rettore Antonio Muscio - e noi vogliamo rendere concrete tutte le iniziative. Non e' soltanto la firma di un protocollo''. ''La Croazia tende la mano alla Puglia - ha commentato il console Alo' - ma non la stende: non ne ha bisogno. Dopo la guerra si e' ripresa in pieno e ci sono le condizioni per entrare nell'Unione europea. E poi ha una carta vincente: un turismo accessibile a tutti''.

Fonte: Ansa Balcani