Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

La globalizzazione è considerata ormai da anni una sfida interessante per le imprese italiane. Bisogna saper cogliere le opportunità che i nuovi mercati offrono ed evitare di rimanere schiacciati dalla concorrenza. Per approfondire queste tematiche in occasione della consegna del premio “imprenditoria e Innovazione Antonio Urciuoli” istituito dalla Sail Spa e dall’Università degli Studi di Bari si è svolta una tavola rotonda sul tema “Puglia, un ponte nel Mediterraneo”. Scopo dell’evento è fornire l’occasione per un confronto tra imprenditori, professori universitari e istituzioni sui temi dell’internazionalizzazione delle aziende locali e sulla ricaduta che i processi di espansione dei mercati esteri possono produrre in termini di occupazione e di rilancio dell’economia. In questa fase di crisi per alcuni settori dell’industria italiana e nello specifico pugliese, dovuto essenzialmente alla competizione insostenibile dei Paesi dell’Est, la Swg ha condotto un sondaggio tra 108 imprenditori pugliesi per capire come intendono affrontare questa fase. Innanzitutto va fatto notare un dato positivo ovvero che la Puglia e la Calabria hanno, nel 2004, ottenuto il massimo incremento dell’export tra le regioni italiane. La delocalizzazione delle attività produttive rende sempre più necessaria, specie per quei settori in cui ha molto peso il costo della mano d’opera. Importantissimo è stato considerato dai presenti il ruolo che l’Università potrebbe svolgere in questo processo di internazionalizzazione che rende indispensabili competenze e culture.

Alla tavola rotonda presieduta da Giovanni Girone, Magnifico Rettore dell’Università di Bari, e coordinata da Giancarlo Spadoni responsabile della redazione regionale della Rai hanno partecipato Vincenzo Divella, presidente della Provincia di Bari, Silvia Godelli, assessore regionale al Mediterraneo, Gianfranco Viesti, professore di Economia applicata presso l’Università di Bari, Tommaso Affinita, presidente dell’Autorità portuale di Bari, Nicola De Bartolomeo, presidente dell’associazione degli industriali della Provincia di Bari, Antonio Scarlino, presidente nazionale dei Giovani imprenditori di Federalimentare, Ernesto Longobardi, preside della facoltà di Economia e Commercio. 

di Pierfrancesco Palmisano 

Fonte: Barisera

Inseriamo inoltre un articolo e il programma dell'evento

{mosimage} Programma

{mosimage} Puglia testa di ponte pr gli scambi tra est e ovest