Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Chiude oggi la settima edizione della Fiera del Levante in Albania. La Regione Puglia ha partecipato all’evento con una missione organizzata dall’assessorato allo sviluppo economico e con uno stand allestito da Fidanzia Sistemi. “Esperienze sul campo –spiega l’assessore Sandro Frisullo– dimostrano che la Puglia viene vissuta dagli operatori albanesi come realtà molto vicina, molto familiare, ma prevalentemente di passaggio”. Per questo la Regione ha deciso di istituzionalizzare la propria presenza anche per i prossimi eventi, con uno stand espositivo stabile. La qualità dei prodotti pugliesi. E’ questo il maggiore fattore di competitività del sistema imprenditoriale regionale, ottimo biglietto da visita per presentarsi in eventi internazionali come la Fiera del Levante a Tirana. Con i suoi tremila metri di spazio espositivo, la rassegna d’oltre Adriatico si conferma una buona occasione per mettere nella giusta luce la proposta pugliese a un pubblico di investitori e possibili partners stranieri. “Ripresa economica dell’Albania, rinnovato clima di fiducia della classe imprenditoriale, la crescita del Pil e l’apertura nel 2003 dei negoziati per l’accordo di stabilità e associazione all’Unione europea – dice Frisullo – sono fattori da tenere in considerazione per fare un passo in avanti e trasformare la leadership commerciale della Puglia in qualcosa di più solido e strutturale”. Secondo i dati del Fondo monetario internazionale, infatti, il Pil albanese ha raggiunto nel 2004 gli 8,3 milioni di euro ed è cresciuto del 6% rispetto al 2003. Il rapporto tra debito estero e prodotto interno lordo è considerato tra i più bassi dei Balcani. E, anche geograficamente, il libero mercato albanese rappresenta una ottima piattaforma di penetrazione verso i Paesi prossimi a entrare nell’Ue. “Il momento – dice l’assessore allo Sviluppo economico – è propizio per uno scambio sempre più intenso non solo di prodotti, ma anche di know how e di stili di vita”.     

Fonte: Repubblica Bari (pag. 9)