Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

A dieci anni dalla conferenza di Barcellona, a che punto è il partenariato euro mediterraneo e il dialogo di popoli e culture? E’ una delle domande del convegno che si apre oggi a Bari nell’Aula Magna dell’Università, organizzato con il contributo del polo euro mediterraneo Jean Monnet e con i patrocini di diverse istituzioni, tra cui anche l’assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia. “A dieci anni dalla conferenza di Barcellona” dicono i promotori “ il 2005 dichiarato dal Consiglio Anno europeo del Mediterraneo, coincide con un contesto di profonde modifiche nel quadro politico, istituzionale e sociale di tutta l’area. Il metodo del Partenariato, al quale si ispira tutto il processo di Barcellona, si inserisce nel percorso che porterà a definire i nuovi strumenti della politica di vicinato”. Dal canto suo la commissione europea ha già approvato proposte di programma di lavoro finalizzato a dare nuovo impulso al processo di Barcellona, che vedono tra gli ambiti cruciali istruzione, crescita economica sostenibile, diritti umani e democrazia. E quindi riforme sociali, ambiente, gestione dei flussi migratori, lotta al terrorismo.   

Fonte: Paese Nuovo (pag. 3)