Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Per il Presidente della Regione Puglia, Raffaele Fitto, l'istituzione di uno sportello della Regione a Tirana e' 'un'assoluta novità'. 'Lo sportello ha chiarito Fitto nasce dall'esigenza di rappresentare la Puglia nel Paese delle Aquile. Non solamente per la parte di attuazione del programma Interreg III relativo all'Albania, ma anche per stabilire la prima 'antenna' nel contesto dei Balcani'. Al riguardo ha sottolineato, oltre ai programmi approvati e all'apertura dello sportello a Tirana, l'approvazione in via definitiva al Senato del disegno di legge di attuazione della modifica del Titolo V della Costituzione in riferimento ai poteri esteri alle Regioni e il ruolo che la Puglia puo' svolgere nel contesto del Mediterraneo. 'Noi riteniamo ha proseguito Fitto che anche nell'ambito della politica internazionale che la regione deve svolgere ci siano esigenze ben precise. La prima e' quella di evitare che tutti facciano non bene la stessa cosa.

Il nostro obiettivo e' di creare le condizioni perche' ci possa essere in questa visione internazionale la piu' ampia partecipazione. Quindi una impostazione culturale, una visione sociale e le opportunita' di carattere economico, che possano sostanziarsi soprattutto sulla base di questi elementi che noi riteniamo fondamentali'. Il presidente della Regione ha anche voluto mettere in evidenza 'la dimensione piu' specificamente rivolta ai Balcani, che ci vede fortemente impegnati e che crea le condizioni per potere guardare a questa realta' e a questa dimensione, sapendo che si puo' e si deve sviluppare una politica di cooperazione finalizzata'. 'Il ruolo della Puglia e la centralita' che noi auspichiamo nel Mediterraneo e nei Balcani - ha aggiunto - si costruiscono con una serie di atti concreti, come quelli approvati oggi'. 'La prospettiva di sviluppo - ha proseguito - e di accompagnamento delle nostre piccole e medie imprese, nel nuovo mercato che si apre, e' certamente un obiettivo principale'. 'Sicuramente - ha concluso il presidente - le nostre imprese hanno fino ad oggi compiuto un'azione importante in questi contesti. A ragione, pertanto, ci poniamo l'obiettivo e l'ambizione di accompagnare e assecondare questo processo di crescita del sistema pugliese. L'obiettivo e' che a partire da questi provvedimenti ci sia un sistema Puglia che si possa muovere nel contesto e che possa svolgere una funzione che sia coordinata e di respiro molto piu' ampio'.

Fonte: Informest