Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Il Ministro degli Esteri italiano ha deciso di finanziare un progetto per la riorganizzazione dei parcheggi di Kragujevac che dovrebbe risolvere il problema della congestione delle strade della cittadina della Serbia centrale. Nel piano di lavoro è coinvolta l'Associazione dei Comuni d'Italia ed in particolare l'Agenzia "Reggio nel Mondo". E proprio il sindaco di Reggio Emilia, Morris Bonanzini, insieme al suo collega serbo Vlatko Rajkovic e a Victor Magiar (in rappresentanza dell'associazione dei Comuni), ha siglato l'accordo nella città di Kragujevac lo scorso lunedì. In ambito analogo, i rappresentanti del Programma per l'Ambiente delle Nazioni Unite, insieme con i governi italiano e serbo e con il comune di Stara Pazova, hanno siglato l'accordo per un "programma per l'integrazione duratura dei profughi in Serbia". Il comitato finanziario del governo italiano ha approvato, per la bozza del progetto già in giugno lo stanziamento di 15 milioni di euro, e 9 di questi verranno utilizzati per la costruzione di 670 appartamenti nelle città di Stara Pazova, Nis, Kragujevac, Valjevo, Cacak, Kraljevo e Pancevo. Almeno l'80% delle abitazioni verrà destinato ai rifugiati ed il restante 20% andrà per fini sociali. La prima fase di questo aiuto dovrebbe concretizzarsi in Settembre ed Ottobre.

Fonte: Informest