Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

È stato siglato in Palazzo Firenze, sede romana della Società Dante Alighieri, un importante accordo tra la stessa Dante e la Facoltà per il Commercio e le Scienze Bancarie dell’Università "Braca Karic" di Belgrado per una mutua collaborazione a livello scientifico e culturale attraverso un programma di interscambio tra docenti e studenti delle due Istituzioni. Alla presenza dell’Ambasciatore Bruno Bottai e di Alessandro Masi, rispettivamente Presidente e Segretario Generale della Dante Alighieri, nonché della Preside della Facoltà dell’ateneo serbo, Gordana Ajdukovic, e della Presidente del Comitato di Nis Slavica, Mitic Paolillo, i due enti hanno sottoscritto l’impegno a rafforzare l’intesa culturale tra Serbia ed Italia tramite l’organizzazione di conferenze, convegni, tavole rotonde ed eventi culturali e la realizzazione di un comune programma di insegnamento. "L’accordo rappresenta il primo passo di una collaborazione che tenterà di coniugare imprenditoria ed insegnamento", ha affermato la Preside Ajdukovic. "Per introdurre la lingua italiana negli affari organizzeremo corsi di aggiornamento per imprenditori italiani che desiderano venire a lavorare in Serbia e viceversa".

"Nella nostra sede distaccata di Nis", ha spiegato ancora, "si è registrata una notevole domanda di lingua e cultura italiana, testimoniata dai risultati di una ricerca effettuata negli ultimi quattro anni: abbiamo offerto la possibilità agli studenti di scegliere la seconda lingua all’atto dell’iscrizione e, mentre in tutte le altre sedi della Serbia il 50% degli alunni ha scelto l’italiano, a Nis la percentuale ha raggiunto il 95%. Il nostro lavoro deve partire da questi dati".La collaborazione tra il Comitato di Nis della Dante Alighieri e la Facoltà serba risale al maggio 2004 con la sigla di un accordo iniziale che ha portato alla realizzazione di numerose iniziative culturali, tra cui una conferenza tenuta davanti a circa 200 studenti di Nis e Belgrado da Giovanna Bissolino, di Banca Intesa, sul sistema bancario italiano. Durante l’incontro la Presidente della Dante serba, Mitic Paolillo, ha comunicato all’Ambasciatore Bottai l’opportunità di offrire in Serbia ai dipendenti di Banca Intesa corsi formativi d’italiano su aspetti tecnici ed economici e l’intenzione di promuovere un Convegno di due giorni a Nis che coinvolga studenti e docenti interessati alla realtà culturale e linguistica italiana e una manifestazione dedicata alla cultura serba da svolgersi nella Sede Centrale della Società Dante Alighieri in collaborazione con l’Ambasciata di Serbia in Italia.

Fonte: Aise