Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

L’interscambio commerciale tra Italia e Albania è in continua crescita: l’anno scorso l’import italiano è aumentato del 4%, mentre le esportazioni verso il Paese balcanico si sono incrementate del 4,8%, per un controvalore totale di 964 milioni di euro. Lo affermano dati della Camera di commercio di Milano, secondo i quali è la Puglia la Regione italiana che ha maggiori rapporti commerciali con l’Albania. Lo studio mostra che i prodotti più importati dal Paese balcanico in Italia sono le calzature (37% del totale) e i vestiti o gli accessori per l’abbigliamento (27%). Diversamente rispetto alla maggioranza degli altri Paesi mediterranei, le esportazioni italiane maggiori non consistono in macchine per l’industria, ma in prodotti per l’abbigliamento non ancora lavorati, che vengono assemblati dalla manodopera albanese. Delle nuove opportunità per le imprese italiane offerte dal mercato albanese si parla stamane in un convegno organizzato dalla Camera di commercio di Milano attraverso Promos, la sua azienda speciale per le attività internazionali, cui parteciperà anche il ministro albanese all’Economia, Genc Ruli. Oltre a lui, interverranno tra gli altri Raffaele Cattaneo, sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia per l’Attuazione del programma, e Attilio Massimo Iannucci, Ambasciatore d’Italia a Tirana.

Fonte: Gazzettaon the web