Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Per la prima volta la Puglia si dota di una proposta organica di internazionalizzazione che, coniugando gli obiettivi della cooperazione allo sviluppo nei Paesi Terzi con le finalità dell’internazionalizzazione dei sistemi produttivi pugliesi, disegna un programma di respiro strategico che permetterà di mettere in relazione, sotto il profilo culturale, sociale ed economico, i territori pugliesi e le aree geopolitiche dei Paesi del Mediterraneo. La politica euromediterranea diviene così il punto focale di coagulo delle azioni della Regione Puglia, e potrà raccordarsi, in virtù dei “poteri esteri” affidati alle Regioni dalla riforma della Costituzione, sia ai programmi di intervento nazionale che a quelli dell’Unione Europea coordinando l’iniziativa dei sistemi locali (Enti Locali, Università e centri di ricerca, organizzazioni economiche, imprenditoriali e sociali, associazionismo, soggetti istituzionali) e utilizzando la metodologia dei “progetti-paese” quale modalità integrata di approccio agli interventi di internazionalizzazione. Queste scelte valorizzano soprattutto il fatto che la Puglia, sia nel contesto nazionale che in quello europeo, si pone come “regione strategica” per la sua peculiare collocazione geopolitica che consente, tramite l’affaccio su due bacini marittimi, di connettere le azioni adriatiche nei Balcani e verso Oriente con quelle dirette verso la Sponda Sud del Mediterraneo. Questa strategia, sostenuta nelle sue fasi di elaborazione dalle assistenze tecniche dei Ministeri degli Esteri e delle Attività Produttive, è anche il frutto di diversi momenti di consultazione con il partenariato, le cui aspettative sono apparse molto esplicite e la cui disponibilità a farsi parte attiva nei processi di internazionalizzazione del sistema regionale e dei subsistemi locali è particolarmente significativa. Più in specifico, il PRINT analizza gli asset economici del territorio pugliese sotto il profilo produttivo, turistico, culturale, sociale, ambientale, trasportistico, formativo, della ricerca e dell’innovazione, e si rapporta allo scenario strategico della Programmazione della Pegione Puglia per il 2007/13, individuando le consonanze delle azioni di internazionalizzazione dei sistemi locali e le modalità per rafforzare l’azione amministrativa regionale con le linee più complessive del Documento Strategico Regionale. Il primo programma operativo allegato al PRINT già indica in modo preciso una serie di interventi concreti, in corso o in via di attuazione nel 2006/07, in Turchia, in Medio Oriente, in Libia, in Egitto, in Tunisia, nei Balcani e in Albania, oltre ad alcune azioni sui grandi mercati degli USA, della Russia, del Sud America e della Cina, integrando gli interventi a sostegno dei sistemi produttivi e delle attività commerciali con quelli di natura sociale, culturale, turistica, ambientale.

Fonte: Regione Puglia