Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Dal 31 luglio al 15 agosto, la Puglia ospita, nell'ambito di un progetto finalizzato ad offrire confronto e scambio interculturale, circa 30 giovani provenienti da quattro nazioni euro-mediterranee (Israele/Palestina, Turchia, Slovenia, Italia): scopo del progetto e' l'analisi delle specificita' nazionali, ma soprattutto, attraverso il confronto, il superamento di pregiudizi e stereotipi generatori conflitto. Il progetto euromediterraneo si chiama: 'Espressioni migratorie: il Mediterraneo come teatro di pace ed incontro interculturale'. E' promosso da Legambiente con il patrocinio dell'assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia, dei Comuni di Bari e di Bisceglie e col contributo finanziario dell'Unione Europea. ''Un indubbio rilievo - s'informa in una nota della Regione Puglia - assume la presenza dei volontari arabo-israeliani in quanto potranno fornire un fattivo contributo all'analisi della problematica mediorientale in un momento critico''. ''Strumento privilegiato - si aggiunge - che offrira' ai partecipanti la possibilita' di sperimentare un momento ideale di dialogo tra le variegate culture mediterranee, sara' quello di un laboratorio teatrale, con la realizzazione di uno spettacolo itinerante, il 12 e 13 agosto, dove il pubblico e i giovani protagonisti si ritroveranno in un 'non luogo' interattivo''.

Fonte: Ansa Balcani