Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

L'Ausl Bat 1 - che ha competenza sui comuni della nuova sesta provincia pugliese - approda in Albania per promuovere progetti di conoscenza e sviluppo sulla maternita' e il percorso della nascita. Il progetto si chiama 'Nido d'Aquila', e' stato approvato dalla Regione Puglia e finanziato con 49.000 euro. Nido d'Aquila e' finalizzato alla promozione in Albania, nel comune di Scutari, di percorsi di formazione per migliorare gli standard dei servizi sanitari resi alle madri e ai bambini albanesi. Il progetto durera' 12 mesi: subito dopo l'individuazione dei campi di intervento e delle persone dell'Ausl Bat 1 interessate a svolgere attivita' di formazione in Albania, saranno organizzate attivita' didattiche in aula, attivita' di supporto nelle strutture albanesi e tirocini formativi presso l'Ausl Bat1. Con questo progetto l'azienda sanitaria della sesta provincia pugliese intende attivare una rete di cooperazione inter-istituzionale e creare un rapporto stabile di collaborazione con il comune di Scutari, che - sottolinea l'Ausl pugliese - vive una situazione di degrado e marginalizzazione: mancano le infrastrutture e i servizi pubblici essenziali.

Fonte: Ansa Balcani