Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Nell’ambito del programma TEMPUS CARDS, Unimed ha collaborato alla realizzazione del progetto HECDP (Higher Education Curricula Development). Il progetto è stato coordinato dall’Università di Roma “La Sapienza” (Italia), con la partecipazione del Politecnico dell’Università Valencia (Spagna) e del Politecnico dell’Università di Tirana (Albania). Obiettivo del progetto è stato quello di contribuire allo sviluppo di corsi post-universitari nel campo della conservazione e gestione del patrimonio culturale e permettere lo sviluppo di curricula specifici Il progetto si è basato sulla formazione dei formatori tramite la condivisione di competenze tecniche operative tra docenti ed esperti dei Paesi partecipanti (Albania, Spagna e Italia). Il progetto ha avuto come beneficiari formatori ed esperti albanesi interessati ad incrementare il livello di conoscenza e la capacità d’intervento in termini di valorizzazione e sviluppo locale. Il progetto ha avuto una durata di tre anni e, tra i suoi risultati, c’è stato quello di formare figure capaci di creare un”Dissemination Centre”, capace di trasmettere le conoscenze acquisite. Il progetto si conclude a Tirana il 22 Settembre 2006 con una incontro dei rappresentanti dei partners: Prof. Mario Docci e Prof. Carlo Bianchini (Università di Roma “La Sapienza”, Dipartimento RADAAR), Marcello Scalisi (UNIMED), prof. Ignacio Bosch (Preside della Facoltà di Architettura, Politecnico di Valencia).

Fonte: Unimed