Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Prende il via uno dei primi progetti per la diffusione delle produzioni agricole biologiche, secondo gli standard europei, nei Balcani. Si tratta di un progetto che riguarda in particolare Italia e Serbia e che segue una precedente iniziativa di cooperazione in materia di sviluppo agricolo realizzata nei mesi scorsi. L'annuncio e' stato dato dall'Ambasciatore italiano a Belgrado, Alessandro Merola, e dal Ministro dell'agricoltura serbo, Ivana Dulic-Markovic. Il progetto agricoltura biologica partirà a luglio e viene finanziato dall'Italia con fondi messi a disposizione dalla legge 84/01 per la ricostruzione e la stabilizzazione dei Balcani. La realizzazione e la supervisione dell'iniziativa e' affidata all'Istituto agronomico mediterraneo di Bari (Iam), già impegnato nel 2004 e 2005 in un altro programma finanziato in Serbia dal governo italiano, per un importo di 2 milioni di euro, per la diffusione di sistemi produttivi sostenibili visti come opportunità di reddito per gli operatori agricoli dell'area balcanica.

Fonte: Informest