Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Nei giorni scorsi è stato discusso a Belgrado il progetto elaborato dal Consorzio europeo Italia, con il sostegno dell'Ambasciata Italiana, per l’apertura di un’istituzione simile a una Camera di Commercio italo-jugoslava, al fine di favorire l'interscambio e gli investimenti fra Italia e RFY. I Presidenti della Camera dell’Economia jugoslava Korac, serba Veselinovic e belgradese Jankovic hanno manifestato vivo interesse per il progetto, promosso dai dirigenti del Consorzio Europeo Italia Perniola e Leonardi. L’Ambasciatore d'Italia Caracciolo ha ricordato agli interlocutori la recente riapertura del credito Sace per la Yugoslavia, che fornisce assicurazione per eventuali investimenti nel Paese. Il progetto di cooperazione italo-yugoslava é stato accolto con favore da molti imprenditori dei due Paesi. Si intende concretizzare la nuova istituzione nel più breve tempo possibile.

Fonte: Informest