Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

La Facoltà di Scienze Ambientali di Ravenna è tra i promotori di Tempus Just Mostar il progetto per la creazione di un centro universitario internazionale nella città di Mostar. Nell’ultima settimana di marzo si è svolto, presso l’università di Granada (Spagna), l’incontro conclusivo di Tempus Just Mostar, il progetto finanziato dall’Unione Europea per la creazione di un centro universitario internazionale finalizzato allo svolgimento di attività formative in tema di lingue e culture europee, e di sviluppo sostenibile. Alla realizzazione del progetto hanno contribuito l’università di Granda, in qualità di coordinatore, e le università di Oulu, Finlandia, e di Bologna, che hanno curato, rispettivamente, gli aspetti culturali e linguistici, e quelli ambientali. L’università di Bologna è stata rappresentata dal Centro per l’Europa Centro Orientale e Balcanica (C.E.C.O.B.) di Forlì, e dal Centro Interdipartimentale di Ricerca per le Scienze Ambientali (C.I.R.S.A.) di Ravenna. I destinatari delle attività formative, in accordo a quanto stabilito dal progetto tempus, sono state le due università di Mostar, che hanno partecipato attraverso la collaborazione dei loro docenti con i docenti delle università europee, e gli studenti che hanno frequentato due corsi brevi tenuti sulle tematiche oggetto del programma formativo. Le tematiche ambientali e di sviluppo sostenibile sono state trattate dal Prof. Luigi Bruzzi e dalla Dottt.ssa Roberta Guerra del Corso di Laurea in Scienze Ambientali. Il progetto tempus, che ha avuto la durata di un anno, ha permesso di creare le premesse per lo sviluppo di una attività formativa permanente che verrà realizzata grazie al sostegno scientifico ed economico delle università partner, e che attualmente prevede il supporto di ulteriore progetto tempus, in fase di valutazione presso l’Unione Europea. L’importanza dell’attività avviata da parte del C.I.R.S.A. costituisce, inoltre, una premessa strategica, in vista della possibilità che l’università di Bologna possa acquisire un ruolo rilevante nel supporto alle attività formative in campo ambientale che sono in fase di avvio nei paesi del Sud-Est europeo. L’impegno finora svolto dal C.I.R.S.A., in stretta collaborazione con il C.E.C.O.B., rientra in un più ampio quadro di attività svolte nell’area balcanica, che comprendono anche un programma di supporto tecnico-scientifico fornito all’Università di Sarajevo, per la creazione di un centro di informazione recentemente costituito, in grado di fornire informazioni ed indirizzo sulla attivazione di corsi universitari e post-laurea in materia di sviluppo sostenibile.

Fonte: Università Bologna