Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Visita nel capoluogo pugliese dei Ministri dell'Agricoltura di Siria, Libano e Turchia. Ospiti dell'Istituto Agronomico del mediterraneo del Ciheam, visiteranno in questi giorni Mediterre, la campionaria dedicata ai parchi del Mediterraneo, allestita al quartiere fieristico di Bari fino al primo ottobre. Giunta alla sua quarta edizione, Mediterre prosegue l'azione di confronto e di scambio di esperienze, riaffermando il tema della cooperazione nell'ambito delle azioni di conservazione della natura e di sviluppo locale sostenibile. E' dedicata agli enti governativi e non che operano nella conservazione della natura nel bacino del Mediterraneo. I ministri d'oltremare parteciperanno oggi al convegno "La Puglia e il Mediterraneo: culture, sviluppo e cooperazione", organizzato dall'assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia, dall'Istituto Agronomico Mediterraneo e dell'associazione dei gal pugliesi. Parteciperà, tra gli altri, Paolo De Castro, ministro italiano alle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali. Tra gli altri appuntamenti organizzati all'Istituto Agronomico Pugliese, due incontri per fare il punto della situazione sui progetti di cooperazione internazionale "Leader-Mead" e "Innova". Il primo ha la finalità di valorizzare le aree rurali della costa mediterranea attraverso l'armonizzazione di regole e lo sviluppo di rapporti commerciali complementari di prodotti tipici locali. Al secondo appuntamento parteciperanno, oltre ai ministri di Libano, Siria, Turchia e Malta, anche le delegazioni di Grecia, Palestina ed Egitto. Finalità del progetto è la definizione di modelli comuni di pianificazione, di gestione integrata, di sostenibilità e di monitoraggio delle aree mediterranee ad alto valore ambientale, al fine di conservare il degrado delle risorse naturali non rinnovabili.     

Fonte: Puglia (pag. 7)