Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Pina Marmo, consigliere regionale (e comunale) della Margherita interverrà ai lavori del simposio internazionale "Turismo culturale - Benefici economici o perdita di identità?" organizzato dal Congresso dei Poteri locali e regionali del Consiglio d'Europa e dell'associazione delle Città e delle Regioni Storiche che si terrà a Dubrovnik. Il simposio si è aperto ieri e si concluderà domani, venerdì 29 settembre. "E' un congresso di fondamentale importanza -ha dichiarato Pina Marmo- per conoscere i nuovi orientamenti del turismo culturale e per attuare una politica di sviluppo sostenibile senza penalizzare il territorio, l'ambiente e le comunità". Marmo ha aggiunto: "Nel Mediterraneo e in Italia in particolare, forse più che in qualsiasi altro contesto, la presenza di patrimoni naturalistici, storici e monumentali caratterizzano profondamente sia la vita dell'ospite che quella della comunità ospitante. Non bisogna dimenticare che al turismo culturale si devono ricondurre le tradizioni popolari, la produzione tipica agro-alimentare e la gastronomia. La Puglia possiede tutte le caratteristiche per affrontare da protagonista la sfida dell'offerta turistica e vincerla. Credo che, oltre all'ammodernamento delle strutture ricettive, alla realizzazione di nuove infrastrutture e al miglioramento della professionalità degli operatori, occorra ridefinire lo stesso concetto di ospitalità. Sono convinta che se consideriamo i visitatori e i turisti, cittadini temporanei della nostra terra, offrendo servizi e integrandoli nel nostro stile di vita, faremmo un passo decisivo nella nostra tradizione culturale dell'accoglienza". (mp)

Fonte: Gazzetta di Capitanata (pag. 12)