Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

E' stata inaugurata oggi l'Università Nostra Signora del Buon Consiglio, che ha iniziato le attività nel corrente anno accademico, istituendo le facoltà di Medicina e chirurgia e di Scienze economiche e politiche. L'inaugurazione è avvenuta alla presenza delle massime autorità dello Stato albanese e di rappresentanti delle diverse comunità religiose presenti in Albania. Lo Stato italiano era rappresentato dal presidente della Camera Casini e dall'Ambasciatore Iannucci, le università coinvolte nel progetto erano presenti alla cerimonia con i rettori delle Università di Bari e Roma -Tor Vergata.

L'Università è gestita dall'omonima Fondazione, che rappresenta in Albania la congregazione religiosa fondata dal beato Luigi Maria Monti, infermiere e educatore nato a Bovisio (Milano) nel 1825 e morto a Saronno nel 1900. La congregazione è presente in Albania dal 1993, dove ha aperto un poliambulatorio che oggi compie cinquantamila prestazioni annue e avviato la costruzione di un ospedale che porta il nome di “Nostra Signora del Buon Consiglio”, la patrona dell'Albania. Tale ospedale, incoraggiato personalmente da Madre Teresa, sorge su un terreno ceduto dallo Stato albanese all'ingresso della capitale e sarà completato nei prossimi anni.

L'ambasciatore italiano ha posto l'accento sull'importanza fondamentale di quest'iniziativa per l'avvicinamento dell'Albania all'Unione europea e l'arcivescovo di Tirana ha rilevato che la prima Università cattolica dei Balcani nasce proprio nel Paese che più di tutti è stato colpito dalla dittatura comunista. I corsi di laurea finora attivati sono: chirurgia e medicina, odontoiatria, fisioterapia, scienze infermieristiche, economia aziendale, scienze politiche. In questo primo anno accademico sono iscritti oltre duecento studenti. Le lauree saranno riconosciute anche in Italia, grazie alla collaborazione delle Università italiane, dalle quali sono mutuati i piani di studio.

Fonte: Vita