Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Ha avuto inizio stamani il convegno organizzato da Provincia, Camera di Commercio e l'Unione delle Università del Mediterraneo sul "Mediterraneo: dalla dichiarazione di Barcellona alla politica di prossimità" a cui sono intervenuti anche l'ambasciatore della Repubblica d'Algeria Mokthar Reguieg il vice capo della missione diplomatica del Regno del Marocco Sadlallak M. Fewat e il consigliere politico dell'ambasciata della Repubblica d'Egitto Omar Selim. In mattinata i lavori sono stati aperti con un saluto del sindaco Domenico Mennitti che ha evidenziato come sia necessario puntare su un migliore progetto di sviluppo di Brindisi partendo soprattutto dal porto per competere nella sfida economica globale, si pensi alla previsione di raddoppio della movimentazione containers e dell'assenza pressochè totale di Brindisi in questo settore. Poi c'è stato il discorso di benvenuto rivolto dal presidente della Provincia Michele Errico il quale ha indicato la volontà dell'Ente di inserire il territorio brindisino in una dimensione internazionale, rafforzando il dialogo con gli Stati. Va letta in questo senso l'intesa raggiunta con la fondazione euromediterranea per realizzare proprio a Brindisi una scuola estiva sul patrimonio culturale dei Paesi del Mediterraneo. La Provincia sta realizzando, inoltre un collegamento più stretto con la base ONU di Brindisi attraverso la creazione di una scuola di formazione. In mattinata si sono succeduti gli interventi del vice presidente del forum delle donne del Mediterraneo Wassyla Tamzali e del di rettore generale del Ministero degli affari esteri Luca Fornari. In attesa che nel pomeriggio arrivi il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, la Regione ha assicurato il suo contributo alla discussione sviluppatasi in mattinata con l'assessore regionale al Mediterraneo Silvia Godelli: "Pensiamo di candidare la Puglia assieme alla Calabria e alla Sicilia, in un rapporto virtuoso tra regioni, a diventare area integrata dell'Italia meridionale che si affaccia su questa parte del Mediterraneo, al fine di gestire - ha affermato Godelli - le politiche di prossimità in maniera più produttiva ed innovativa producendo benefici per i popoli con cui interagiamo, ma anche per le nostre popolazioni"

Fonte: Barisera (pag. 12)