Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Nell’ambito della IV Settimana della Lingua italiana nel mondo, che si svolge in Albania in cinque centri - Tirana, Valona, Scutari, Elbasan e Corcia - con una serie di attività comprendenti varie conferenze, un’opera teatrale dedicata alla poesia italiana e un oratorio su Madre Teresa, il momento centrale è rappresentato dalla mostra realizzata dalla Società Dante Alighieri, "Dove il sì suona", allestita dall’architetto Simone Lombardi.

L’esposizione, fortemente voluta dall’Ambasciatore d’Italia a Tirana, Attilio Massimo Iannucci, e dall’Ambasciatore Bruno Bottai, Presidente della "Dante", vuole illustrare, nei suoi diversi aspetti, l’evoluzione della nostra lingua nei secoli, dalle origini fino a oggi. Il visitatore viene guidato nel mondo affascinante della lingua italiana e ne osserva i principali fenomeni da un nuovo punto di vista. Puo così apprezzare le differenze legate alle diverse epoche, alle diverse aree geografiche, ai diversi usi dell’italiano, il suo stretto legame con la cultura nazionale e i fecondi scambi con le tradizioni delle altre grandi lingue di cultura.

La mostra, che si tiene presso il dipartimento di Italianistica dell’Università di Tirana e si concluderà venerdì 29 ottobre, oltre ad essere un evento di grande valore scientifico destinato a studenti e studiosi interessati all’idioma italiano, preannuncia l’imminente apertura a Tirana di un Comitato della "Dante Alighieri".

Fonte: Inform