Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Convegno di studi sull'arte oggi a Gallipoli (Progetto Interreg A.c.c.i.a. Arte presso la sede della Biblioteca comunale di Sant'Angelo. All'incontro interverrà anche Vittorio Sgarbi). Il Progetto ha come obiettivo la protezione e la valorizzazione delle culture tradizionali e moderne, il rafforzamento degli scambi culturali fra Italia e Albania attraverso la promozione e la produzione di un progetto artistico bilaterale e prevede uno scambio culturale, da attuarsi in diverse direzioni e in vari settori, tra la Regione Puglia e l'Albania, grazie alla partnership di associazioni ed enti pubblici e privati, attraverso la realizzazione di un "Festival della Cultura Albanese" che si è sviluppato in quattro rassegne principali in tutto il territorio salentino da luglio a settembre 2006.Il Progetto è stato promosso dal Comune di Gallipoli come capofila di altri otto Comuni della Provincia di Lecce (finanziamento di 785.500 euro della Regione Puglia, nell'ambito dell'Iniziativa Comunitaria Interreg IIIA Italia - Albania Asse IV, Mis. 4.1 az. 3).Il convegno di studi si terrà presso la Biblioteca comunale di Gallipoli. La Biblioteca di S. Angelo è una delle biblioteche pubbliche più antiche del territorio salentino connotata da caratteri di unicità legati alla provenienza, alla varietà, alla datazione dei volumi rari e di pregio nonché alla peculiaritàd'origine del suo contenitore 8ex oratorio dei nobili del XVIII secolo). Dal 1987 trovano posto nella Biblioteca tutti i testi che riguardano la storia, la cultura, l'economia e le tradizioni di Gallipoli. Si conservano incunaboli, manoscritti, cinquecentine ed altro materiale prezioso dal punto di vista culturale.Il Comune ha risolto gli annosi problemi della Biblioteca: è stato realizzato ex novo un moderno impianto di climatizzazione che permetterà di svolgere conferenze, dibattiti e incontri con il massimo livello di accoglienza. Non meno importante la progettazione degli impianti antincendio e antifurto. Inoltre si sono dotati gli ambienti dei più avanzati requisiti tecnologici, al fine di garantire la conservazione del patrimonio nel tempo. Dopo i saluti del sen. Vincenzo Barba, sindaco di Gallipoli, interverranno Giovanni Pellegrino, presidente della Provincia di Lecce; Oronzo Limone, rettore dell'Università di Lecce; Gino Pisanò, presidente dell'Istituto di Culture Mediterranee della Provincia di Lecce e, come anticipato, l'onorevole Vittorio Sgarbi.

Fonte: Quotidiano di Puglia (pag. 29)