Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Proficua missione in Croazia da parte di una delegazione dell’Associazione Piccole Industrie di Bari guidata da Michele Zema, coordinatore del settore agroalimentare dell’API. La delegazione ha tenuto una serie di incontri con rappresentanti del Ministero dell’Economia e del Turismo del Governo croato. Sono state gettate le basi per l’attivazione di una serie di iniziative legate all’interscambio nei settore dell’agroalimentare, del turismo e del tessile. Nelle prossime settimane le parti torneranno a incontrarsi per concretizzare importanti accordi economici, tesi a favorire gli investimenti pugliesi in Croazia.
“Malgrado gli ottimi rapporti di vicinanza territoriale – commenta Michele Zema – suggellati anche da discreti rapporti commerciali gli investimenti pugliesi in quella zona dell’Adriatico sono davvero minimi. Ed è un vero peccato che siano al momento esclusivamente le grandi industrie austriache e tedesche a imperversare economicamente su un territorio che ha grandi capacità di sviluppo e soprattutto tanta fretta di crescere a livello economico. L’Associazione delle Piccole Industrie di Bari – spiega Michele Zema – da anni ormai punta con decisione a potenziare strategie di collaborazione economica e di sviluppo industriale con altre realtànazionali, soprattutto dell’est europeo. E in questa direzione non andrebbe persa l’occasione di utilizzare i finanziamenti rivenienti dalla Legge sui Balcani, con l’elaborazione di progetti concreti di cooperazione economica. In funzione anche della realizzazione del Corridoio n.8 che favorirà con estrema rapidità il trasferimento delle merci, ottimizzando il sistema dei trasporti”.
Il Governo della Croazia sta attivando un interessante piano di sviluppo per la “Grande Distribuzione Organizzata”, in maniera tale da favorire l’interscambio di prodotti dell’agroalimentari. “E questo è sicuramente uno dei comparti nei quali gli industriali pugliesi possono puntare con i loro investimenti – dichiara Riccardo Figliolia, direttore delle Relazioni Esterne dell’Api di Bari – così come a breve saranno cantierizzati sempre in Croazia lavori per una serie di opere e interventi legati alla valorizzazione del turismo soprattutto nelle aree di Dubrovnik e di Spalato”.

Fonte: Barisera