Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Debutto romano, ieri, per il collegamento marittimo tra Trani e Dubrovnik in catamarano. Su iniziativa dell'on. Gabriella Carlucci, che ha promosso una conferenza sulla collaborazione italo-croata, è stato presentato ufficialmente il servizio, che partirà il 18 luglio. Secondo il sottosegretario agli Esteri Roberto Antonione e l'ambasciatore croato in Italia Drago Kraljevic, intervenuti all'incontro insieme a numerose altre autorità, tra cui il sindaco di Trani e il presidente dell'Amet Alfonso Mangione, la nuova tratta si inserisce nel quadro di una cooperazione bilaterale negli ultimi anni sempre più stretta.

Il collegamento Trani-Dubrovnik mira essenzialmente ad accrescere il flusso turistico tra le due sponde dell'Adriatico e funzionerà nel periodo estivo, come detto a partire dal prossimo 18 luglio e fino a fine agosto. "Questo nuovo servizio", ha detto Antonione, "è in linea con l'indirizzo politico del governo italiano, che ha fatto molti sforzi per accelerare il processo di integrazione della Croazia nell'Unione Europea e, più in generale, nella comunità euro-atlantica". Secondo il sottosegretario, "Zagabria è oggi un riferimento importante per i Balcani occidentali e può offrire un contributo decisivo alla stabilizzazione dell'intera regione". Dopo il rinvio dell'inizio dei negoziati di adesione della Croazia all'Ue, deciso lo scorso marzo dal Consiglio europeo, "il governo di Roma", ha osservato Antonione, "si impegnerà perché le trattative partano il prima possibile". Anche Kraljevic si è detto convinto che il collegamento Trani-Dubrovnik contribuirà al rafforzamento della cooperazione italo-croata.

"Negli ultimi quattro anni", ha sottolineato il diplomatico, "gli scambi commerciali tra i due Paesi sono più che raddoppiati e oggi l'Italia è il primo partner commerciale del nostro Paese". Secondo Guido Venturini, direttore generale del Touring club, il nuovo servizio favorirà la crescita del "turismo culturale": "Un segmento in forte espansione", ha spiegato, "che riunisce una proposta di vacanza con una proposta di cultura intesa in senso ampio, che abbraccia anche la natura e l'enogastronomia". Il collegamento è gestito dall'Amet in collaborazione con la società molisana Larivera: l'on. Carlucci, che ha anche promosso l'incontro tra le due aziende, ieri ha annunciato che il servizio di catamarani offrirà ai passeggeri anche la possibilità di degustare specialità alimentari pugliesi, dall'olio extra vergine ai formaggi, dai dolci ai taralli, tutti di aziende del territorio, aderenti a un consorzio, anche questo, manco a dirlo, promosso dalla vivace parlamentare azzurra.

Fonte: Barisera