Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Oglinda de mar festival delle culture balcaniche 8, 9 e 10 agosto Bari - Piazza del Ferrarese Per l'Estate barese all'interno del progetto Il valore dell'acqua l'assessorato alle culture della città di Bari ed Herostrato presentano: Oglinda de mar, il Festival delle culture balcaniche in programma a Bari in piazza del Ferrarese 8, 9, 10 agosto. Oglinda che in rumeno significa specchio è la prima edizione di una rassegna che vuol esplorare la produzione culturale di quest'area che parte dall'altra sponda dell'Adriatico e arriva agli stati dell'ex Unione Sovietica. Nasce a Bari per evidenti motivi di geopolitica che vedono questa città vicina a quest'area e che in futuro lo sarà sempre più. Oltre certo superficiale esotismo che spesso accompagna lo sguardo verso queste regioni, l'intento della rassegna è quello di una esplorazione più approfondita su alcune tematiche forti ,come i contrasti etnici ed uno sguardo attento sull'ultima produzione culturale, quella della fascia giovanile quella del dopo USSR e del dopo ex Jugoslavia. Questa prima edizione, dedicata esclusivamente alla musica, sarà una lunga kermesse di tre giornate di concerti, che culmineranno la notte del 10 agosto nella grande Jam-session delle stelle che cadono dove si esibiranno tutti i musicisti di tutte le band in tutte le combinazioni possibili nell'arco di tutta la notte.

Una notte di musica per ballare, ma dove vi sarà anche spazio per rievocare il decennale dell'orrenda strage di Sbrenica presentando il cortometraggio di Andrea Rossini prodotto dall'Osservatorio sui Balcani "Dopo Sbrenica, memorie per il futuro". Il programma prevede la presenza di cinque band. La prima serata (l'8/8) accanto alla Boban Marcovic Orchestar, quella che viene definita come la più grande orchestra rom del mondo, la Fanfara Populara una delle ormai tante formazioni nate in Puglia da musicisti nostrani e da residenti portati qui dall'infinito flusso migratorio proveniente dall'altra sponda dell'Adriatico. Spazio invece il 9 agosto a Magnifico & Turbolentza il Vasco Rossi sloveno "Il mito di Ljubiana" inventore del balkan - beat ed irriverente e provocatorio personaggio noto in tutta l'area balcanica ed approdato con successo anche da noi con una collaborazione con Lucio Dalla e per aver dato la sua musica alla sigla della trasmissione "Le Iene" ed ad uno spot della Fiat Punto. La notte del 10 agosto dopo La Fanfara Tirana l'orchestra più famosa d'Albania ed il progetto speciale Balkan Talea (Albania, Bosnia, Italia) si esibiranno insieme i musicisti di tutti i gruppi partecipanti al festival per quella che sarà La jam-session delle stelle che cadono.

Fonte: Barisera