Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Prosegue l’attività di cooperazione allo sviluppo di Confcooperative Puglia, impegnata come project manager, nel progetto sul tema Cooperazione allo sviluppo del sistema agroalimentare balcanico: Progetto Pilota Judet Ialomita, Calarasi, Constanta, Tulcea – ROMANIA. La Regione Puglia, soggetto proponente, ha realizzato l’iniziativa a valere sulla legge n. 84 del 2001 (stabilizzazione dei Balcani), con l’apporto di Confcooperative Puglia, Coldiretti Puglia, Camera di Commercio di Bari ed Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari.

 

Il progetto si pone come obiettivo principale il miglioramento del livello produttivo, organizzativo e distributivo del settore agroalimentare balcanico, attraverso azioni sviluppate nell’area sud-orientale della Romania, in particolare nei Judet (ambito territoriale assimilabile alle nostre province) di Ialomita, Calarasi, Tulcea e Constanta, con la creazione di rapporti di collaborazione continuativa tra operatori del settore pugliesi ed operatori romeni.

Il progetto, ormai nella sua fase conclusiva, ha visto la selezione di aziende romene da presentare, attraverso la predisposizione di business plan, ad operatori pugliesi interessati ad avviare collaborazioni continuative a livello locale.

 

Sono state svolte diverse missioni istituzionali con il compito di incontrare i rappresentanti delle istituzioni e del tessuto imprenditoriale dei diversi judet coinvolti e in quelle occasioni si sono intrapresi rapporti con le Camere di Commercio, le Amministrazioni provinciali (judet), le Prefetture, alcuni Comuni, le Agenzie di Consulenza Agricola, le Agenzie Sapard, le rappresentanze locali di produttori agricoli, presenti nei territori di operatività del progetto.

 

Proprio al fine di consolidare i rapporti istituzionali avviati, lo scorso 28 novembre, presso la Presidenza della Giunta Regionale, è stato sottoscritto l’Accordo di cooperazione tra la Regione Puglia, rappresentata dal Vice Presidente Sandro Frisullo, Assessore allo Sviluppo Economico e i rappresentati degli Enti pubblici provenienti dai territori coinvolti nell’iniziativa. In particolare erano presenti, per la Romania, Gheorghe Albu, direttore della Direzione per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale di Constanza del Ministero dell’Agricoltura, Forestale e dello Sviluppo Rurale, Mihai Daraban, presidente della Camera di Commercio, Industria, Navigazione e Agricoltura di Constanza, Nicolae Cristian Parvan, presidente della Camera di Commercio, Industria ed Agricoltura di Calarasi, Cazacu Marinica, prefetto del judet di Ialomita, Ciuperca Vasile Silvian, presidente del Consiglio del judet di Iaolomita, Stanca Nicolae, presidente della Camera di Commercio, Industria ed Agricoltura di Ialomita, Doru Poponete, presidente della Camera di Commercio ed Agricoltura di Tulcea.

 

L’accordo è finalizzato allo sviluppo sociale, economico, produttivo ed occupazionale dei territori coinvolti, attraverso la promozione, elaborazione, gestione, di iniziative, progetti di ricerca, formazione, assistenza tecnica, start-up. Tutte le iniziative da promuovere, sostenere ed incentivare dovranno svilupparsi in perfetta sintonia con l'ambiente e in una logica di sviluppo endogeno ecosostenibile.

 

L’accordo ha, inoltre, la finalità di realizzare stabili accordi di cooperazione tra imprese romene e pugliesi. È prevista, inoltre, la promozione e lo sviluppo di forme cooperative ed associative, tra i produttori agricoli, secondo il modello europeo; per la concreta attuazione dell’accordo sarà costituito un apposito comitato di gestione.

 

I rappresentanti degli Enti romeni, dopo aver ringraziato per l’ospitalità offerta dai partner coinvolti nel progetto, hanno chiesto che tale iniziativa abbia un seguito e che rappresenti solo l’inizio per un continuo scambio tra gli operatori romeni e gli agricoltori pugliesi. La delegazione romena nella stessa giornata è stata accompagnata nella visita di alcune cooperative pugliesi aderenti a Confcooperative Puglia e rappresentative del territorio, come la CAP di Putignano, cooperativa leader nel settore lattiero-caseario e la Cantina Sociale di Locorotondo, storica cooperativa del settore vitivinicolo.

Fonte: Confcooperative