Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Presentata nella sala giunta della Provincia di Bari la quarta edizione del “LevanteFilmFest”, rassegna del cinema indipendente in programma al cinema Armenise dal 23 al 28 ottobre. Il festival, organizzato dall’associazione culturale Nuove Produzioni Spettacolari, si avvale della collaborazione di numerosi enti e istituzioni. Oltre a Regione, Provincia e Comune, vanta la presenza del centro sperimentale di cinematografia, di Cinecittà Holding e del centro interuniversitario di ricerca degli studi gramsciani. La quarta edizione  è stata illustrata dal regista Mimmo Monelli, direttore artistico della rassegna. LevanteFilmFest, entrata a pieno titolo nel panorama festivaliero del meridione, si preannuncia con un calendario ricco di appuntamenti. Rispetto alle edizioni precedenti sono state fuse alcune sezioni “primitive” (lungometraggi in pellicola, lungometraggi in digitale, documentari) per dar vita a tre nuovi concorsi: il primo (Custom) raccoglie film in pellicola e in digitale, il secondo (Experience) si alimenta di argomenti e strutture che si muovono in una ricerca volutamente non definita; nel terzo (Investigation) è  la realtà a conquistare prepotentemente il suo spazio attraverso varie forme di documentazione e tecniche diverse. I lavori sono frutto di auto-produzioni realizzate con budget limitati, cosa che comunque non ha influito sulla qualità del risultato. D’altro canto il cinema italiano, nella sua gran parte, si può dire che sia  cinema indipendente, in quanto sempre più avvezzo a recuperare le risorse per garantire la propria sopravvivenza. Lo spirito d’innovazione del LevanteFilmFest ha stimolato molti filmaker ad inviare un numero elevato di elaborati, dalle caratteristiche più varie, anche fuori dagli standard richiesti. Istituiti cinque Screening (Art, Short, Apulia, Doc, Out) per proiezioni fuori concorso di opere di ottimo livello. L’Art Screening “Altro Oltre”, realizzato con Imaginaria Film Festival, offre un’ampia panoramica delle forme cinematografiche più innovative, sperimentali, vicine ai gusti giovanili. Lo Short “Nice size” raccoglie i corti più interessanti. Lo screening Apulia “Visioni dall’interno” è la vetrina di quelle opere, corti e documentari, che hanno per oggetto riferimenti al territorio pugliese, brillante esempio della vivacità creativa dei nostri autori, apprezzati in Italia e all’estero. Il Doc screening ha come titolo “Waiting for coffee”. Una scelta  dovuta all’occasione di dedicare un’intera notte alla proiezione di documentari di grande qualità, un omaggio ad un genere sempre più  diffuso e frequentato. Gli Out, infine, presenteranno i lavori di tre eccellenti documentaristi dai temi insoliti accomunati dal titolo “Il corpo e lo Spirito”. Il LevantefilmFest quest’anno si apre con una mostra fotografica dedicata a “I volti del nuovo cinema italiano” di Fabio Lovino e una mostra di opere ispirate al cinema, di Mimmo Rotella. Anche la musica avrà il suo spazio nella serata finale dedicata alle premiazioni,  con un concerto di colonne sonore del cinema italiano, rilette in chiave jazz da Mirko Signorile. Oltre ai vincitori delle tre sezioni in concorso, la IV edizione prevede tre premiati speciali, proseguendo così la tradizione inaugurata lo scorso anno: Paolo Sassanelli per Pugliesi al Cinema, Anita Caprioli e Paolo Briguglia come Migliori attori giovani italiani 2006. A decretare l’assegnazione del premio ai tre migliori film in gara saranno due giurie composte da esponenti del mondo dello spettacolo, dell’arte e della cultura, presiedute da Anton Giulio Mancino ed Edoardo Winspeare.  Durante la sei giorni barese, produttori e distributori potranno incontrare i filmaker pugliesi. Grazie alla collaborazione con il Centro Iniziativa Balcani, si sono aperte finestre sul panorama dei paesi del Levante. In accordo con il Ministero della Cultura della Repubblica di Macedonia, prenderà vita una breve rassegna di film di quel paese, corredata da incontri con i protagonisti. Il LevanteFilmFest ha intrecciato numerosi rapporti di collaborazione con strutture pubbliche e private. I soci della Coop Estense potranno accedere gratuitamente alle proiezioni, purchè accompagnati da un altro spettatore pagante. Questo appuntamento farà parte di una serie di quattro che comprenderà una giornata dedicata a Luchino Visconti e Walter Chiari, attore di origini pugliesi, un’altra a Roberto Rossellini, l’Autore per eccellenza, un’altra ancora al genio di Samuel Beckett e al suo controverso rapporto con l’immagine.

di Onofrio D'Alesio

Fonte: Il Meridiano