Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Cinque giorni a spasso per i Balcani con il seminario del progetto Ar.Co. L'iniziativa (Artistic Connection) promossa da Regione Puglia e Regione Abruzzo, pensata e organizzata per cercare di imbastire una rete culturale europea, in area adriatica fra amministrazioni, istituzioni culturali e imprese impegnate nel campo della produzione e promozione dello spettacolo. La rappresentanza pugliese è composta dai Comuni di Nardò, Gallipoli, Novoli e da Koreja. Ed è proprio nei Cantieri teatrali di via Dorso a Lecce che si da il via agli incontri con la "carovana" di artisti, scrittori, giornalisti, operatori culturali che arriva in Italia dai Balcani per  raccontarsi e per raccontare le proprie aspirazioni, i propri sogni, i propri sguardi. Sguardi speciali su un Mediterraneo che diventa sempre più scenario aperto dove poter intrecciare e consolidare relazioni e azioni. Due gli ambiti tematici che verranno sviluppati nel corso degli incontri seminariali.

Il primo "Raccontare i Balcani" si svolge domani (inizio ore 9.30) ai Cantieri attraverso i contributi di drammaturghi, giornalisti, intellettuali di spicco della scena balcanica e italiana: Pedrag Matvejevic (Bosnia), Nicole Janigro, Shpend Bengu, Fatos Lubonja, Zhani Ciko (Albania), Luisa Chiodi, Simun Grabovac e Gorcin Stojanovic (Serbia), Ljubo Djurkovic (Montenegro), Nico Garrone, Monica Genesin, Raffaele GOrgoni, Gianfranco Viesti, Valentino Zeichen, franco Botta, Roberta Carlotto. Il secondo, "La cooperazione artistica e culturale nell'area adriatica", affronta aspetti più legati alle opportunità di scambi ed è articolato in più sessioni che si svolgeranno il 3 novembre a Nardò. Di nuovo a Lecce, il 2 e il 4 novembre, per "Networking fra est e ovest", un incontro fra i direttori artistici dei festival più importanti e dei responsabili dei network europei più prestigiosi dei Balcani e di Puglia: Massimo Marino, Nihad Kresevljakov (Bosnia), Anja Susa (Serbia), Claudia Galhos (Portogallo), Dubravka Vrgoc (Croazia), Gordana Vnuk (Croazia), Tamara Jokovic (Montenegro), Lucio Argano (Ad Hoc Culture), Ugo Baccella (Fondazione Fitzcarraldo), Franco D'Ippolito (consulente Regione Puglia), Riccardo Carbutti (Castel dei Mondi Festival, Andria), Gianluigi Trevisi (Time Zones, Bari),Gigi De Luca (Negroamaro Festival, Lecce), Roberto Ricco (Teatro Kismet, Bari), Carmelo Grassi (Teatro Pubblico Pugliese), Claudio Pedone (Oltremare Entroterre, Casarano). Non manca, ovviamente, un cartellone di spettacoli, dalle musiche rom del gruppo serbo Earth Wheel Sky di Novi Sad (domani Teatro Comunale di Nardò; il 3 novembre a Koreja), alla prima nazionale (a Koreja) del Piccolo Teatro Dusko Radovic di Belgrado con "Ronaldo, il pagliaccio di McDonald's (ore 22.30). Quindi ancora l'ultimo lavoro teatrale di Koreja, il Calapranzi (domani alle 21 e 3 novembre a Koreja) e, per concludere, le immagini della videoinstallazione di Marina Abramovic, "Art must be beautiful, artist must be beautiful".Il progetto Ar.Co vedrà la sua definitiva conclusione il 4 dicembre a l'Aquila

Fonte: Gazzetta di Lecce (pag. 5)