Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Interventi di partenariato e cooperazione sono gli scopi di una visita ufficiale che il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e l'assessore regionale al Mediteraneo, Silvia Godelli hanno in programma per domanie dopodomani a Damasco. In una nota della Regione si spiega che la Siria è una delle aree geografiche prioritarie verso le quali la Puglia intende orientare le proprie azioni nell'ambito del Programma di cooperazione e di interventi di partenariato fra comunità locali sviluppato dall'assessorato al Mediterraneo. I rapporti di cooperazione con la Siria - si aggiunge in una nota - "vivono una fase di particolare slancio, caratterizzata da una singolare convergenza e complementarietà tra l'azione promossa dal governo e dagli enti locali e le inizitiveassunte dalla imprenditoria" pugliese. Tra gli interventi di partenariato a regia regionale c'è un progetto di sviluppo socio-economico delle comunità rurali e di valorizzazione dell'area archeologica di Ebla, con fondi regionali pari a 60.000 euro, promosso dalla Provincia di Lecce (ente capofila) e con la partecipazione del ministero delle attività economiche, delle altre Province pugliesi, dell'università di Bari, dell'Università La Sapienza di Roma e dell'associazione Movimendo, a cui gestione è affidata all'Istituto agronomico del Mediterraneo di Bari.Il progetto prevede l'istituzione di corsi di formazione per promotori turistici, attività di gemellaggio nelle scuole, eventi divulgativi, partecipazione a fiere e manifestazioni, produzione di ricerche e studi. Il programma della visita prevede incontri con vari ministri.

Fonte: Quotidiano di Puglia (pag. 4)