Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

L’ALDA e la Regione Puglia, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale e l’Agenzia della Democrazia Locale di Mostar, hanno organizzato il corso di formazione “MIGLIORARE L’EDUCAZIONE NELLE COMUNITA’ DIVISE” nel quadro del progetto MAHLDENET, finanziato dal PIC INTERREG III A.
Il progetto MAHLDENET conta su un vasto partenariato italiano e “balcanico”: fra gli altri, la Regione Puglia e la Regione Friuli Venezia Giulia, che è il partner leader, e mira a creare una sinergia fra le due sponde del Mare Adriatico in campo economico, politico e culturale.
Il corso “Migliorare l’educazione nelle comunità divise” avrà luogo a Lecce il 16 e 17 novembre prossimi presso il Liceo Banzi Bazoli, in Piazza Palio, e vi prenderà parte una delegazione di insegnanti provenienti dal Cantone di Mostar (Bosnia Erzegovina) ed una delegazione rappresentativa delle scuole dell’intera Puglia.
I professori che parteciperanno al corso hanno alle spalle una lunga esperienza sulla formazione sul tema della protezione dei diritti umani, delle minoranze e del dialogo interetnico e avranno l’opportunità di confrontarsi e cercare delle soluzioni a problemi pratici partecipando attivamente a dei workshop, coordinati da un mediatore culturale e da docenti esperti nelle tematiche in oggetto.
Le finalità del corso sono:
la conoscenza reciproca del sistema scolastico italiano e bosniaco;
lo scambio di buone prassi sul tema dell’educazione ai diritti umani e ai principi democratici e l’analisi di case study;
la realizzazione futura di gemellaggi fra scuole italiane e bosniache.
I docenti che prenderanno parte al corso parteciperanno, inoltre, nella mattinata del 17 novembre al convegno Equal “ La didattica dell’intercultura” organizzato, in collaborazione col progetto MAHLDENET, a Lecce.

 

Programma del Corso:

Corso di formazione per insegnanti Italiani e Bosniaci “ Migliorare l’educazione nelle comunità divise” realizzato nel quadro del progetto MAHLDENET finanziato dal PIC Interreg 3A Transfrontaliero Adriatico.
Liceo Banzi Bazoli, Lecce, 16 e 17 novembre 2006

Programma 16 novembre

9.30: Saluti ai partecipanti del Preside del Liceo Banzi Bazoli prof. Giuseppe Elia

9.45: Dott.ssa Stefania Toriello, ALDA

10.00: Prof. Villani , Università di Roma: “ La cultura del dialogo interetnico e dei diritti umani nelle società “divise” ( da confermare)

10.20: Intervento di un professore della delegazione bosniaca (da individuare) su: “ Il sistema scolastico di Bosnia Erzegovina, della Federazione e del Cantone di Mostar” e “ L’importanza a Mostar di iniziative quali il progetto CBM organizzato dalla ADL Mostar per la formazione di alunni ed insegnanti sui temi del dialogo interetnico, del rispetto dei diritti umani e dei principi democratici”

10.50: Intervento della Prof.ssa Rita Goffredo (USR) su: “Il sistema scolastico italiano e l’esperienza italiana dei Centri regionali sull’intercultura”

11.10: Intervento della Prof.ssa Licia Positò (USR) su “L’educazione ai diritti umani nelle scuole italiane e pugliesi: educare alla cittadinanza universale”

11.30 coffe-break

12.00- 13.30 I workshop – coordinato dalla Prof.ssa Goffredo e da Ibrahim Eiraski Elslekn (mediatore culturale e facilitatore) : Scambio di buone pratiche fra insegnanti pugliesi e bosniaci su:
“Educare alla protezione dei diritti umani: opportunità e difficoltà fornite dal sistema educativo italiano e bosniaco. Limiti e problematiche connaturati ai due diversi contesti sociali, economici e culturali”

13.30-14.30 Pausa pranzo

14.30-16.00 II workshop –coordinato dalla Prof.ssa Positò e da Ibrahim Eiraski Elslekn: Scambio di buone pratiche fra insegnanti pugliesi e bosniaci su:
“Educare ai diritti umani e all’intercultura non significa solo trasferire concetti: come l’insegnante può aiutare gli studenti della ricognizione dei valori democratici che guidino la propria vita?
Il difficile compito di: insegnare a conoscere i propri diritti e doveri, interiorizzarli e metterli in pratica. Studenti ed insegnanti si mettono in gioco: i primi diventano attuatori ed i secondi facilitatori”

 

Programma 17 novembre

Mattina: Convegno EQUAL su: “La didattica dell’intercultura” organizzato in collaborazione del progetto MAHLDENET.
Hotel Tiziano, Lecce
E’ programmata: - la presenza dell’Assessore al Mediterraneo della Regione Puglia- Prof.ssa Silvia Godelli;
- un intervento del delegato della ADL di Mostar, dott. Tommaso Vaccarezza, che porgerà i saluti della delegazione e interverrà sul tema; “ Il difficile percorso della società civile verso il dialogo interculturale: l’esempio della città di Mostar”

Appena disponibile sarà allegato programma completo del convegno.

Pranzo offerto dal Convegno EQUAL su: “La didattica dell’intercultura”

Pomeriggio presso il Liceo Banzi Bazoli di Lecce per la conclusione dei lavori del corso di formazione “ Migliorare l’educazione nelle comunità divise”

14.30- 16.00 : III Workshop – coordinato dalla dott.ssa Sara Nico e da Ibrahim Eiraski Elslekn: Scambio di buone pratiche fra insegnanti pugliesi e bosniaci su: “Pratiche di pace e di dialogo interetnico: metodologie utilizzate, percorsi sostenibili, individuazione dei bisogni, esigenze degli alunni e delle famiglie.
Esperienze e proposte progettuali dal basso per riformare il sistema educativo creando continuità fra società civile e scuola e fra i diversi ordini di scuole”.

16.00-16.30 Conclusioni

Fonte: Liceo Banzi