Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Rignano Garganico, San Giovanni Rotondo e Vieste rappresentano la Provincia di Foggia nel Progetto "Adriatic Gateway", destinato alle piccole e medie imprese che operano da anni nel settore del turismo, della ricezione e dell'eno-gastronomia in Puglia, Abruzzo, Montenegro e nella Provincia di Venezia. L'obiettivo dell'iniziativa, sponsorizzata a livello locale dall'assessorato regionale al Mediterraneo e dal Consorzio degli operatori turistici pugliesi (Cotup) è quello di mettere in rete le migliori aziende del settore, privilegiando le cosiddette "eccellenze territoriali".Per la provincia di Foggia, realtà come Vieste, Padre Pio e Grotta Pagliacci faranno da apripista all'ingresso di tante altre micro e macro imprese, piccole e grandi associazioni che lavorano nel Bacino del Mediterraneo. E' quanto emerso nei giorni scorsi a Barletta al termine di un incontro tra i maggiori operatori del settore provenienti dalle province di Foggia, Brindisi e Bari.

L'incontro è stato convocato dall'Assessorato al Mediterraneo e dal Cotup. Il progetto è stato ribattezzato "CAT" e rientra nel programma Interreg III A Interadriatico voluto dalla Comunità Europea e dagli Enti interessati. A disposizione degli operatori un portale internet (che sarà reso noto nei prossimi giorni), attraverso cui interagire tra di loro e proporre direttamente itinerari, prezzi ed eventi ricadenti nel progetto "Adriatic Gateway". Molto importante l'informazione capillare sulle infrastrutture e sui collegamenti viari e aerei per raggiungere le varie località. CAT vuole rendere competitive le imprese, hanno spiegato il dirigente della Regione Puglia Piacentino Ciccarese e il direttore del Cotup Alfredo Pagliarulo facendole dialogare direttamente fra di loro e dando loro i mezzi per giungere a mercati mai esplorati finora.Per la prima volta gli Enti e la politia vengono messi fuori da un progetto di sviluppo.

E' una novità assoluta che potrebbe agevolare soprattutto chi ha voglia di lavorare e vuole viaggiare speditamente senza intermediari e soprattutto senza burocrati da contattare. All'iniziativa, come accennavamo all'inizio, hanno aderito alcune aziende e strutture pubbliche di Rignano Garganico, Vieste e San Giovanni Rotondo. Padre Pio da Pietrelcina, il territorio viestano e Grotta Pagliacci devono diventare, ma già lo sono seppure in parte, "richiami d'eccellenza" per i turisti tedeschi, inglesi, europei in genere, asiatici e americani. "Non possiamo che essere soddisfatti per quanto detto in quel di Barletta - ha spiegato Enzo Pazienza, presidente del Centro Studi Pagliacci di Rignano, che ha aderito al protocollo d'intesa assieme ad altre 20 unità territoriali - la proposta della Regione e del Cotup ci inorgoglisce e ci sprona a lavorare ancora meglio per il futuro. Da tempo diciamo che Grotta Pagliacci deve rientrare negli itinerari turistici che contano, oggi ne abbiamo la conferma. Il territorio va conosciuto e i turisti devono avere la possibilità di raggiungere tutte le realtà, anche quelle interne come Rignano, il più piccolo comune del Parco Nazionale del Gargano".

Fonte: Quotidiano di Foggia (pag. 6)