Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Il 'Progetto Balcani', lanciato nel 2000 a coronamento di quasi un decennio di impegno Caritas nei Balcani, è il più consistente progetto dell'Area internazionale di Caritas Italiana, quanto alle risorse umane ed economiche messe in campo. Ha una durata prevista di tre anni, sino a fine 2002. La sua articolazione interna è complessa: al progetto fanno capo sei 'Programmi paese' (relativi ad Albania, Bosnia Erzegovina, Croazia, Kosovo, Macedonia, Repubblica federale di Jugoslavia), i quali a loro volta sono composti da 'Programmi di settore', che comprendono azioni specifiche relative a vari ambiti d'intervento (psico-sociale; sanitario; aiuti d'urgenza; supporto alla chiesa locale; pace, riconciliazione, diritti umani e minoranze; promozione socio-economica; animazione e formazione). Il progetto coinvolge una trentina di persone - responsabili Caritas, operatori sociali e pastorali, consulenti scientifici e tecnici -, buona parte delle quali attive 'sul campo' e coadiuvate da volontari e obiettori di coscienza. La sua conduzione è costantemente raccordata alla presenza, nell'area, delle Caritas di altri paesi, nell'ambito del network Caritas Internationalis. L'illustrazione degli interventi realizzati nei Balcani da Caritas Italiana richiederebbe pagine. Alcuni dati sparsi e non esaustivi, relativi al solo 2000, per far intuire le dimensioni, la complessità e la capillarità dello sforzo prodotto in un intero decennio: in Kosovo, 1.116 case ricostruite (capaci di consentire il reinsediamento di migliaia di profughi); nella Federazione jugoslava, più di 3 mila visite di supporto psicologico e per la forni-tura di medicinali e cibo ad anziani soli; in Bosnia, oltre 10 mila persone vulnerabili raggiunte da programmi di assistenza socio-sanitaria; in Albania, 15 mila ragazzi coinvolti in programmi educativi.

Fonte: Vita