Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

La prospettiva di ingresso nell’Unione Europea di conferma con un importante incentivo alle riforme ed alla stabilità regionale. Questo quanto emerso dal Summit economico organizzato dalla Central European Initiative a Tirana e conclusosi venerdì 14 novembre. L’evento, che ha visto la partecipazione di 900 rappresentanti delle istituzioni e del settore privato di 18 Paesi dell’Europa centrale e sud orientale, si è concentrato soprattutto sulle relazioni economiche, sulla cooperazione tecnica nei settori delle infrastrutture, dell’energia, dei trasporti, delle piccole e medie imprese e delle risorse umane, così come sulla lotta alla criminalità organizzata ed alla corruzione. Durante la due giorni di incontri la presidenza a rotazione della Central European Initiative è passata dall’Albania alla Bulgaria.

Per saperne di più, cliccare qui

Fonte: Informest