Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Quindici giorni di meeting e conferenze su alcuni dei temi di maggior interesse per la cooperazione scientifica e tecnologica tra Italia ed Albania: una manifestazione, quella organizzata dall’Ufficio dell’Addetto Scientifico dell’Ambasciata d’Italia a Tirana che, dall’1 al 16 dicembre, porterà sul tavolo del dibattito numerose questioni d’attualità per lo sviluppo dell’Albania e per il consolidamento delle positive relazioni di scambio e partnership con l’Italia.

Si parlerà, tra l’altro, di Università, archeologia, salute, ambiente ed energia, trasporti, agricoltura e sicurezza alimentare. 
L'Ambasciatore Iannucci, in occasione della cerimonia di apertura della manifestazione, ha confermato l’impegno concreto dell’Italia per onorare il Protocollo di Cooperazione Scientifica e Tecnologica siglato nel 2002 e rinnovato nel 2005, evidenziando altresì come il flusso costante di studenti, ricercatori e lavoratori tra i due paesi, con il conseguente trasferimento di conoscenze e tecniche e l’arricchimento del capitale umano, sia strumento di crescita e sviluppo non solo per l’Albania ma anche per l’Italia. Formazione e miglioramento delle condizioni di vita della popolazione – ha ricordato ancora l’Ambasciatore – devono essere i fili conduttori di una cooperazione che possa trasformare il rapporto tra paese donatore e paese assistito in relazione paritaria.


Alla cerimonia di inaugurazione, tenutasi all’Hotel International di Tirana, erano presenti per il Governo Albanese il Professor Tafaj, Segretario Generale del Consiglio dei Ministri e la dott.ssa Turku, vice Ministro di Turismo, Cultura e Sport. Anche il Direttore dell’Ufficio di Cooperazione allo Sviluppo dell’Ambasciata d’Italia ha presenziato all’evento, richiamando l’attenzione sui punti di unione e complementarietà fra cooperazione tecnico-scientifica e cooperazione allo sviluppo, entrambe impegnate sui versanti dell’educazione/istruzione e della ricerca. “Una ricerca – ha auspicato il dott. Lovisolo – che risponda non solo ad esigenze di crescita economica, ma giochi un ruolo sempre più importante per contribuire al miglioramento delle condizioni di vita della popolazione, supportando la Cooperazione allo Sviluppo in una pianificazione oculata ed efficace degli interventi”.

Fonte: Italcoopalbania