Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Il premier e il vicepremie della macedonia, Nikola Gruevski e Zoran Stavreski, sono stati ricevuti ieri in visita privata dal neopresidente della Fiera del levante, Cosimo Lacirignola, il quale ha illustrato le attività di cooperazione tra Puglia e Macedonia che vedono protagonisti vari enti, dalla Regione Puglia all'Istituto agronomico del Mediterraneo. Ne dà notizia una nota del Centro iniziativa Balcani della Fondazione Gramsci."A fine febbraio - ha annunciato Lacirignola - il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, sarà a Skopje in visita ufficiale per definire un'agenda di attività che impegneranno Puglia e Macedonia a sostegno della promozione delle relazioni economiche e culturali. La Fiera del Levante promuoverà ogni iniziativa necessaria ad intensificare le relazioni soprattutto nei settori strategici dell'energia". Gruevski - prosegue il comunicato - "ha auspicato una maggiore presenza di investimenti italiani in Macedonia ed ha dichiarato di ritenere fondamentale il rapporto con Puglia sottolineando che già il porto di Bari è diventato il punto di riferimento per il suo paese insieme a quello di Durazzo in cui si realizzerà una zona franca a disposizione della Macedonia così come previsto anche nei porti bulgari del Mar Nero".Stravreski - conclude la nota - "ha espresso apprezzamento per le attività decennali dello Iam ed ha indicato nell'adeguamento degli standard dell'unione europea e nella certificazione di qualità una strada per sostenere e migliorare le capacità di export dell'agroalimentare macedone".

Fonte: Quotidiano di Puglia (pag. 5)