Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Sono state decine di migliaia i visitatori della quarta edizione di "Mediterre", la Fiera dei Parchi del Mediterraneo, conclusasi ieri, alla Fiera del Levante (a queste presenze vanno aggiunti i numerosi giovani che hanno assistito agli eventi musicali serali) e che ha ospitato, nella penultima giornata il Presidente della Camera, Fausto Bertinotti.

Tra le conclusioni di maggiore caratura internazionale e politica, l'avvio delle procedure per la realizzazione di un "Parco della Pace" sul fiume Litani in Libano (come zona cuscinetto e deterrente di contrasti tra Israele e Palestina) e la costituzione del "Comitato promotore" della Federazione dei Parchi del Mediterraneo, nuovo organismo di tutela a livello internazionale per i Parchi e le aree naturali protette del Mediterraneo. Il protocollo d'intesa di questo comitato è stato sottoscritto sabato da Italia, Spagna, Palestina, Franca, Israele e Portogallo. Potenziali firmatari (si attende l'adesione ufficiale nelle prossime ore) anche Slovenia, Croazia, Cipro, Turchia, Algeria, Albania.

L'istituzione del "Parco della Pace" in Libano è stata fortemente sostenuta dal presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola: "E' un modo -ha detto- di reagire allo scontro di civiltà. Un parco della pace in Libano in una zona di confine lungo il fiume Litani, è davvero una "proposta impossibile" se guardiamo alle cose come sono messe oggi. Ma se continuiamo nei nostri colloqui con gli amici libanesi, siriani, palestinesi, israeliani e cerchiamo di accogliere le ragioni di ciascuno e di farle camminare in percorsi nuovi, ce la potremo fare". "Mediterre", iniziativa quest'anno promossa da "Federparchi" e Regione Puglia con la collaborazione di Comune e Provincia di Bari, nelle precedenti edizioni si è svolta a Bari, a Otranto (Lecce) e a Brindisi. L'appuntamento di quest'anno ha segnato un "salto di qualità per la presenza nemerosa di stand espositivi italiani, stranieri ed istituzionali": così ha sottolineato il presidente nazionale di "Federparchi", Matteo Fusilli. Inaugurata dal ministro dell'Ambiente, Alfonso Pecorario Scanio, ha registrato la partecipazione, oltre all'Italia, di 15 Paesi (tra cui Israele, Libano, Palestina) con 31 parchi in tutto, ospite d'onore di Mediterre 2006 è stata l'Algeria. "Un risultato certamente positivo -ha rimarcato l'assessore regionale pugliese all'Ecologia, Michele Losappio- per il rapporto con la città e il territorio pugliese, per il contenuto dei dibattiti, per gli eventi musicali che hanno contribuito a costruire il senso del legame con la nostra identità mediterranea e per la presenza di tanti espositori in una vera e propria specializzata su parchi, natura e ambiente e la loro correlazione con il modello di sviluppo".

Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno (pag. 6)